Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FURTI NELLE VILLE, 5 ARRESTI

FURTI NELLE VILLE, 5 ARRESTI

Operazione di polizia ad Acireale comune in provincia di Catania. In manette sono finite 5 persone che sono accusate di furto pluriaggravato, ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FURTI NELLE VILLE, 5 ARRESTI –

La Procura Distrettuale di Catania, ha dato mandato alla Polizia di Stato di eseguire un’ordinanza cautelare personale nei confronti di cinque persone indagate per furto pluriaggravato in villa, ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli. Le indagini sono state condotte dal personale del commissariato di Acireale.
L’arresto per i presunti componenti del commando è stato eseguito nelle prime ore del mattino. Secondo gli investigatori, il gruppo malavitoso, nei mesi scorsi aveva compiuto numerosi furti in villa nel comprensorio acese. Gli indagati, sono stati denunciati due settimane con l’accusa di furto e ricettazione. Oggi è stata emessa dal gip, su richiesta del sostituto procuratore di Catania Fabio Regolo, un’ordinanza di custodia cautelare che è stata eseguita dagli agenti del Commissariato di Polizia di Acireale che hanno condotto le indagini. La notifica è avvenuta per quattro persone che sono in carcere e una ai domiciliari. Le manette sono scattate per i pregiudicati catanesi, tutti residenti nei quartieri di Cibali e Nesima: Giuseppe Di Stefano, 35 anni; Antonino Pino, 26 anni; Salvatore Faro, 25 anni; Davide Leanza, 40 anni. Umberto Minnella, 21 anni, sono stati chiesti gli arresti domiciliari. Per tutti l’accusa è furto pluriaggravato e ricettazione.
L’indagine è iniziata il 28 marzo scorso, dopo l’ultimo furto compiuto in una villa di Guardia Mangano. Le indagini hanno consentito agli investigatori di raccogliere gravi elementi indiziari a carico degli indagati. Proprio durante l’ultimo colpo, il commando era riuscito a rubare refurtiva per un valore complessivo di decine di migliaia di euro, tra orologi, gioielli e giubbotti griffati. Infatti, i furti compiuti nel comprensorio acese e quello pedemontano, avevano creato molto allarme tra i residenti. Intensa l’attività di ricerca avviata dalla Sezione Investigativa e dagli agenti del Commissariato di Polizia di Acireale, i quali hanno intensificato i controlli sul territorio impiegando anche poliziotti in borghese.
Durante le verifiche, una pattuglia ha bloccato una vettura di grossa cilindrata con a bordo cinque persone sospette, alcune delle quali con precedenti. Durante la perquisizione gli agenti hanno trovato all’interno della vettura uno scalda collo, un cacciavite e dei guanti. Subito sono scattate le perquisizioni domiciliari che hanno incastrato il gruppo. infatti, nelle abitazioni è stata trovata buona parte della refurtiva trafugata a Guardia Mangano. Inoltre sono stati sequestrati anche due computer portatili risultati rubati in una villa di Viagrande lo scorso febbraio.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook