Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CONFISCA AL CUGINO DEL BOSS MATTEO MESSINA DENARO

CONFISCA AL CUGINO DEL BOSS MATTEO MESSINA DENARO

Sono stati confiscati all’imprenditore Giovanni Filardo: un’impresa edile a responsabilità limitata, 23 tra mezzi d’opera, automezzi e autoveicoli, un fabbricato rurale, 7 appezzamenti di terreno, 1 villa con finiture di pregio, 1 fabbricato ad uso abitativo e 4 conti correnti bancari.

 

 

CONFISCA AL CUGINO DEL BOSS MATTEO MESSINA DENARO –

Confiscati beni a Giovanni Filardo, imprenditore edile originario di Castelvetrano (TP) attualmente detenuto in carcere, cugino di primo grado del latitante Matteo Messina Denaro. Blitz del personale della Direzione Investigativa Antimafia di Trapani che ha eseguito la confisca del patrimonio mobiliare, immobiliare e societario di Filardo. L’operazione è venuta fuori dalle indagini economico-patrimoniali delegate alla Dia dalla Procura della Repubblica di Palermo – D.D.A. – Gruppo Misure di Prevenzione coordinato dal Procuratore Aggiunto Bernardo Petralia – che ha consentito di confiscare un’impresa edile a responsabilità limitata, 23 tra mezzi d’opera, automezzi e autoveicoli, un fabbricato rurale, 7 appezzamenti di terreno, 1 villa con finiture di pregio, 1 fabbricato ad uso abitativo e 4 conti correnti bancari.
Il Tribunale di Trapani – Sezione Misure di Prevenzione – Presidente Piero Grillo, giudice estensore Chiara Badalucco hanno emesso, con lo stesso provvedimento, la sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di dimora per quattro anni.
Nel 2010, Giovanni Filardo fu arrestato durante l’operazione antimafia ‘Golem fase II’. Lo stesso fu
accusato, dagli inquirenti, di essere componente del mandamento mafioso di Castelvetrano e di aver posto in essere estorsioni, incendi, interposizione fittizia di valori, nonché esercitato condotte dirette a garantire la latitanza di Matteo Messina Denaro. Per questi fatti, Giovanni Filardo è stato condannato alla pena di anni 12 e sei mesi, con sentenza della Corte d’Appello di Palermo, che ha riformato la sentenza di assoluzione pronunciata dal Tribunale di Marsala in primo grado.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook