Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RINVIO A GIUDIZIO PER L’EX ASSESSORE AL BILANCIO DI CATANIA

RINVIO A GIUDIZIO PER L’EX ASSESSORE AL BILANCIO DI CATANIA

Rinuncia al rito abbreviato l'ex assessore al Bilancio accusato di tentata concussione. Il processo inizierà il 6 dicembre.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

 

RINVIO A GIUDIZIO PER L’EX ASSESSORE AL BILANCIO DI CATANIA –

L’ex assessore comunale al Bilancio della Giunta Bianco, Giuseppe Girlando è stato rinviato a giudizio per tentata concussione aggravata. Il Gup del tribunale di Catania lo ha deciso accogliendo la richiesta del pm Fabio Regolo. Prima udienza del processo è stata fissata per il 6 dicembre prossimo dinanzi ai giudici della terza sezione del tribunale. Intanto, l’amministrazione comunale potrebbe presentare la costituzione di parte civile, assumendo nel dibattimento la doppia veste. Nel processo si sono già costituiti parte civile il curatore della Simei Gaetano Cocuzza, oltre a Gianluca Chirieleison assieme alla moglie Maria Cristina Ferranti.
Il fascicolo è stato aperto dopo la denuncia di Gianluca Chirieleison, rappresentante della Simei, azienda con cui il Comune aveva in corso una transazione per un contenzioso di oltre un milione di euro. L’imprenditore si è presentato dai carabinieri con la registrazione dell’incontro in cui sarebbe stato minacciato dall’ex assessore.
In merito alla vicenda, Girlando ha dichiarato: «La richiesta di giudizio nei miei confronti è priva dei necessari elementi probatori. Soltanto nel giudizio ordinario sarà finalmente mia facoltà produrre i documenti originali attestanti il ruolo di Enel, che in contrasto alla posizione di Simei, si è opposta alla proposta di transazione formulata dal Comune di Catania, nonché porre piena luce sulle vere ragioni del fallimento di Simei, determinate dalla precisa volontà dei lavoratori, che hanno presentato formale istanza, dalla insipienza dei vertici della società che hanno trascurato tale evento e dalla inadeguatezza del professionista incaricato all’attestazione della proposta di concordato». In conclusione Girlando: «Per tali ragioni sono stato costretto a rinunziare al rito abbreviato che non avrebbe consentito di dare piena prova di quanto detto. Mi auguro che il giudizio ordinario si svolga con celerità in modo che si possa finalmente ristabilire e riaffermare la verità dei fatti».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook