Archiviato in | Musica, Spettacolo

JACKSON SUL PODIO DEL BELLINI HA DIRETTO IL MESSIAH DI HAENDEL

JACKSON SUL PODIO DEL BELLINI HA DIRETTO IL MESSIAH DI HAENDEL

L’ascolto del Messiah ha esercitato una forte suggestione sul pubblico. I brani virtuosistici, i vocalizi ascendenti e discendenti, tutti i meravigliosi espedienti della musica barocca hanno incantato, inducendo anche una concatenazione di idee sulla centralità della testo della Bibbia in ambito protestante.

 

 

JACKSON SUL PODIO DEL BELLINI HA DIRETTO IL MESSIAH DI HAENDEL  –

Una croce luminosa proiettata sul fondo del palcoscenico ha reso più spirituale, al Teatro Massimo Bellini, la recita de il Messiah composto nel 1741 da Georg Friedich Haendel. L’argomento religioso dell’oratorio ben si adattava ai giorni della Settimana Santa. Assoluto protagonista è stato il coro. La partitura assegna infatti a questa compagine una parte preminente sui ruoli solistici. Arie, recitativi e duetti – affidati a soprano, contralto, tenore e baritono/basso – hanno fatto risuonare il racconto della vita di Gesù attraverso le profezie incluse nell’Antico testamento. Il celeberrimo Alleluja è stato eseguito con trasporto e richiesto come bis.
Avendo già diretto a Lisbona il Messiah, il direttore J. David Jackson a Catania ha avuto modo di approfondire lo studio della partitura assieme agli orchestrali che, invece, affrontavano per la prima volta nella sua interezza la celebre composizione. La visione personalissima del direttore è stata fatta propria dall’orchestra e dal coro che hanno eseguito i brani in maniera perfetta. I professori sono stati lodati per “il suono delicato, squisito degli archi” da J. David Jackson, che ha anche apprezzato il ruolo dei fiati, “soprattutto il suono della tromba – ha detto –  mostra un raffinatezza di gusto”.

L’ascolto del Messiah ha esercitato una forte suggestione sul pubblico. I brani virtuosistici, i vocalizi ascendenti e discendenti, tutti i meravigliosi espedienti della musica barocca hanno incantato, inducendo anche una concatenazione di idee sulla centralità della testo della Bibbia in ambito protestante. La grandezza della musica di Haedel sta nell’aver attinto a quella sensibilità religiosa, a lui ben nota (nacque in Sassonia e vissuto in ambiente luterano). L’Antico testamento non è invece una lettura abituale nei paesi cattolici, neanche ai nostri giorni. Pertanto sarebbe stato utile per il Messiah l’uso dei sovra titoli in teatro, così come si fa abitualmente con le opere liriche.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook