Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Disabili

MARCIA PER LA DIGNITÀ DEI DISABILI A PALERMO

MARCIA PER LA DIGNITÀ DEI DISABILI A PALERMO

Dopo due mesi dalle promesse di Crocetta non è cambiato niente. L’Arcivescovo Lorefice: «Non siamo qui per essere contro, ma per dare voce a chi non ne ha». Pif : «A ottobre ci sono le elezioni, almeno per questo dovrebbero risolvere per sempre l’assistenza ai disabili».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MARCIA PER LA DIGNITÀ DEI DISABILI A PALERMO –

I disabili siciliani ancora in piazza per far valere i propri diritti e ribadire al governo regionale che per troppo tempo ha dimenticato e continua a far finta di non vedere e che loro esistono. A manifestare i disabili siciliani senza assistenza che uniti nel coordinamento #siamohandicappatinocretini, sono oggi impegnati nella “marcia per la dignità” che è partita dalla cattedrale di Palermo per concludersi piazza Indipendenza sede della presidenza della Regione Siciliana. Sono in corteo, assieme all’Arcivescovo Corrado Lorefice e Pif con le loro carrozzine, con grande dignità. Sfilano per raccontare alla società civile le difficoltà della loro quotidianità che rappresenta nell’immediato presente, una lezione di tenacia e coraggio. Durante la marcia il presule ha chiesto un minuto di silenzio: «Non siamo qui per essere contro, ma per dare voce a chi non ne ha. Ognuno di noi è qui per tanti motivi. Nel Cristianesimo la fragilità è una potenza e una potenza di riscatto. Ma tutti possiamo essere accumunati dalla stessa istanza che nessuno si faccia strada con i poveri ma aiutiamo i poveri a farsi strada. Noi siamo qui per attraversare le coscienze per di quanti non possono assumersi la responsabilità o per il loro compito politico o amministrativo».
Pif, che è tra i portavoce della protesta dei disabili, parlando di una giovane ventenne di Misilmeri che assiste entrambi i genitori paraplegici che possono contare solo sul suo aiuto ha affermato: «Sharon ha due genitori disabili e la sua adolescenza gliela abbiamo fregata. Sharon ha fatto quello che Rosario Crocetta e tutti i parlamentari regionali dovevano fare. Di giorno ha fatto quello che la Regione doveva fare. Gli abbiamo fregato l’adolescenza. Io non sono un economista ma non è plausibile che ogni voce di capitolo della Regione abbia priorità sull’assistenza ai disabili. Più di ottomila voci di capitolo hanno priorità sull’assistenza disabili Non hanno la scusa di dire non ci sono soldi. I soldi ci sono. Tra poco passeranno due mesi e non è successo nulla. La domanda era chiara a Crocetta. Quando risolverai il problema dei disabili? Crocetta ha detto due mesi. Sono passati quasi due mesi e non è successo nulla. A ottobre ci sono le elezioni, almeno per questo dovrebbero risolvere per sempre l’assistenza ai disabili».

Il presidente Crocetta, in mano un foglio con le cifre sui fondi stanziati, ha ribattuto: «Per l’emergenza i soldi li abbiamo trovati, ora servono i fondi strutturali. Non lo posso fare ora, martedì la finanziaria andrà in aula per l’approvazione. Bisogna aspettare martedì. Io non ho mai preso in giro nessuno. Dopo l’incontro avvenuto poco fa con le persone diversamente abili, ho dato mandato all’assessore Baccei di predisporre un emendamento da presentare martedì in aula, prima dell’apertura del dibattito sulla finanziaria, per reperire fondi consistenti al fine di allineare il fondo per la disabilità del 2017 a quello del 2018».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook