Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BUFERA SU AUTOSTRADE SICILIANE, INDAGATE 57 PERSONE

BUFERA SU AUTOSTRADE SICILIANE, INDAGATE 57 PERSONE

Il Consorzio autostrade siciliano veniva utilizzato come bancomat da una cerchia di dipendenti e dirigenti infedeli. finanziamenti pubblici ‘distratti’ per altre opere, coinvolto anche un sindaco.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BUFERA SU AUTOSTRADE SICILIANE, INDAGATE 57 PERSONE –

Il gip del Tribunale di Messina ha firmato un provvedimento di misura cautelare per dodici persone tra dirigenti e dipendenti del Cas (Consorzio per le Autostrade Siciliane), eseguito dagli uomini della Dia di Catania e Messina guidati da Renato Panvino.  Sono complessivamente più di 57 le persone indagate. Controlli e perquisizioni sono in corso in diversi uffici. L’indagine riguarda laa distrazione di finanziamenti per la realizzazione di opere pubbliche.
Il capo della Dia di Catania Renato Panvino ha detto: «L’operazione è ancora in corso in diverse città siciliane dove sono presenti investigatori impegnati nella notifica dei provvedimenti ai dipendenti del Cas, con perquisizioni domiciliari e negli uffici. E’ la prosecuzione dell’operazione già condotta sempre dalla Dia nel 2015 nei confronti di imprenditori e funzionari del Consorzio per le autostrade siciliane che ha fatto luce sull’affidamento degli appalti a ditte compiacenti con modalità di corruzione”.
Il consorzio autostrade era finito nel mirino degli investigatori a giugno dello scorso anno. Infatti, 56 dipendenti (altrettanti tra funzionari e impiegati) del Cas erano stati indagati per truffa e falso in atti pubblici in un’inchiesta aperta dalla Procura di Messina. Le verifiche della Dia si concentrarono sugli incentivi ai dipendenti che furono assegnati dai precedenti vertici del Consorzio, fino al settembre del 2013. Mentre nel mese di novembre 2014, un funzionario del Cas e diversi imprenditori erano finiti ai domiciliari per turbata libertà degli incanti, induzione a dare o promettere utilità e istigazione alla corruzione.
I dipendenti sospesi sono Antonio Lanteri, di 64 anni, Stefano Magnisi, di 64, Angelo Puccia, di 57, Gaspare Sceusa, di 62 anni, Alfonso Schepisi, di 65, e Anna Sidoti, di 45. La Dia ha eseguito un sequestro beni per un milione di euro complessivo di beni nei loro confronti e di altri sei indagati: Carmelo Cigno, di 69 anni, Letterio Frisone, di 64 anni, Carmelo Indaimo, di 71, Antonino Spitaleri, di 68, Antonino Liddino, di 69, Corrado Magro, di 70. I reati ipotizzati dal Gip, a vario titolo, sono peculato e falsità ideologica e avrebbero incassato degli incentivi non dovuti da un minimo di 30 mila a circa 160 mila ciascuno. Indagati altri 45 funzionari del Consorzio.
Sono settanta i decreti di pagamento al centro delle indagini della Dia, coordinate dal procuratore aggiunto di Messina, Sebastiano Ardita, riferiti a 60 opere da realizzare. Di questi, secondo l’accusa, tutti erano viziati di forma e alcuni erano completamente inesistenti perché mancavano i progetti. Lo stesso Gip nel provvedimento parla “di fatti sconcertanti”.
Alcuni degli indagati nell’inchiesta facevano lavori come Responsabile unico del provvedimento (Rup) per il ripristino delle cabine di Sos nelle autostrade, facendosi liquidare come straordinario un lavoro ordinario così da ottenere il 2 per cento in più previsto dalla legge.
Tra gli indagati Anna Sidoti, sindaco di Montagnareale, già sotto processo a Patti per l’affidamento di un incarico a una cugina. Nell’inchiesta ‘Tekno’ sono contestati la concessione e il pagamento ai 57 dipendenti, con quote diverse, di incentivi ottenuti per del lavoro che, secondo l’accusa, sarebbe stato svolto nell’orario d’ufficio e per compiti previsti dalla mansione svolta per conto del Consorzio per le autostrade siciliane.
Il capo centro della Direzione investigativa antimafia di Catania, Renato Panvino ha spiegato: «E’ il frutto di un’indagine molto complessa durata due anni sull’amministrazione interna del Consorzio per le autostrade siciliane, coordinata dal procuratore aggiunto di Messina, Sebastiano Ardita».
Rosario Faraci, presidente del Cas  entra nel merito della vicenda sentendosi: «profondamente rammaricato per gli sviluppi della vicenda giudiziaria su fatti risalenti al 2012 e 2013 e manifesta, anche a nome dell’amministrazione e della direzione Generale, la totale fiducia nell’operato della magistratura’».  Poi conclude dicendo: «Il Cas procederà secondo legge, ad adottare ogni conseguente provvedimento nei confronti dei dipendenti in servizio destinatari delle misure interdittive disposte dal magistrato».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook