Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FURTO NEGOZI ABIGLIAMENTO, 11 ARRESTI

FURTO NEGOZI ABIGLIAMENTO, 11 ARRESTI

La banda era specializzata in furti nei negozi e agivano con auto che fungevano da ariete per sfondare e mazze da lavoro per completare lo scasso. Sono proprio loro che hanno sfondato i negozi Ultimoda, Angiolucci, Mickey e La Bottega di Ennio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FURTO NEGOZI ABIGLIAMENTO, 11 ARRESTI –

I poliziotti della questura di Catania hanno decapitato una banda specializzata in furti in negozi di abbigliamento con il metodo della ‘spaccata’. Infatti, infrangendo le vetrine con l’uso di auto che fungevano da ariete o con pesanti mazze di lavoro ripulivano i negozi. Nella provincia etnea tra ottobre e novembre del 2016 hanno compiuto nove colpi eclatanti.
Sono 11 le persone arrestate: Domenico Alessandro Messina, Antonino Castelli, Luciano Tudisco, Salvatore Concetto Vaccalluzzo, Mirko Termini, Santo Antonio Lorenzo Guzzardi, ai quali è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere. Mentre Santo Alessandro Trentuno, Anthony Michael Platania, Giovanni Arena, Salvatore Manganaro e Agatino Francesco Grasso, sono stati sottoposti ai domiciliari.
Le indagini sono partite dopo il furto del 5 ottobre scorso ai danni del negozio di abbigliamento Ultimoda in corso Italia a Catania. Dalle immagini registrate dalle telecamere, confrontate con l’analisi delle celle di aggancio delle utenze cellulari presenti sul luogo al momento dei furti, è stato possibile individuare alcuni responsabili dei furti. Poi, le successive attività di intercettazione telefonica e di analisi dei tabulati telefonici hanno consentito di accertare l’identità degli undici che, episodicamente o in modo stabile, avevano preso parte ai furti commessi con le medesime modalità nei giorni successivi.
La refurtiva che era di grande valore veniva rubata in massimo due minuti, e i componenti della banda avevano raggiunto un efficace coordinamento tra di loro. Gli investigatori hanno accertato, inoltre, le modalità e gli autori anche dei furti perpetrati ai danni del negozio Luflà, a Zafferana Etna il 14 ottobre; dell’ottica Angiolucci, a Catania il 19 ottobre; del calzaturificio Mickey, a San Giovanni La Punta 28 ottobre; del negozio “La Bottega Di Ennio”, a Catania l’1 novembre e del negozio di abbigliamento “Blu”, a San Giovanni La Punta il 5 novembre.
Il reparto investigativo della questura di Catania è anche risalito a furti che la banda aveva commesso precedentemente come quello al negozio Calabrò il tre ottobre, del negozio Ultimoda Emporio il quattro ottobre e ancora del negozio Blu compiuto l’otto ottobre. E’ stata così azzerata una vera e propria associazione criminale specializzata in furti con scasso. E’ stato inoltre appurato che la gang era organizzata con una precisa ripartizione di ruoli, con compiti di vedetta e di controllo del territorio.
Le indagini continuano per accertare se agli arrestati possano essere imputabili anche i colpi commessi con metodo analogo avvenuti negli ultimi giorni a Catania e in esercizi commerciali ubicati in alcuni comuni dell’hinterland etneo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook