Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ESTORSIONE, SEI ARRESTI A BIANCAVILLA

ESTORSIONE, SEI ARRESTI A BIANCAVILLA

Imprenditore di Biancavilla denuncia aguzzini. arrestati componenti di un gruppo legato alla famiglia Santapaola-Ercolano, che da tempo taglieggiava la vittima. L’accusa per i fermati è estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ESTORSIONE, SEI ARRESTI A BIANCAVILLA –

Eseguita dai carabinieri un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei persone accusate di estorsione aggravata dal metodo mafioso. L’inchiesta è stata condotta della Procura distrettuale di Catania sul clan ‘Mazzaglia-Toscano-Tomasello’ di Biancavilla, ritenuto un’articolazione della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano. Secondo l’accusa, i destinatari del provvedimento da anni taglieggiavano un imprenditore locale costretto a pagare loro la ‘protezione’.
L’operazione ‘Reset’ segue di quattro mesi un altro blitz, denominato ‘Onda d’urto’, compiuto da militari dell’Arma a Biancavilla.
I destinatari dei provvedimenti restrittivi sono: Carmelo Vercoco, 44 anni; Vincenzo Monforte, 31 anni; Alfio Petralia, 40 anni; Alfio Muscia, 39; Angelo Girasole, 41 e Alberto Gravagna, 32 anni.
Cinque degli arrestati sono stati condotti nell’istituto penitenziario di Bicocca, a Catania, mentre a Monforte il provvedimento è stato notificato nel carcere di Siracusa dove era già detenuto per altra causa.
Le indagini dei carabinieri sono state confermate dalla vittima che ha collaborato confermando quanto accertato dai militari che si sono avvalsi anche di intercettazioni ambientali e telefoniche, oltre a riprese video, e hanno permesso di ricostruire l’azione estorsiva e di evidenziare i ruoli e le dinamiche del clan.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook