Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OMICIDIO CALTAGIRONE, OGGI L’AUTOPSIA

OMICIDIO CALTAGIRONE, OGGI L’AUTOPSIA

Salvatore Pirronello in carcere. Questa mattina è prevista l'autopsia sul corpo della vittima.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OMICIDIO CALTAGIRONE, OGGI L’AUTOPSIA –

Patrizia Formica (nella foto) riposava nella camera da letto. Aveva trascorso una giornata serena che aveva raccontato ai suoi amici attraverso i social. Nella descrizione del suo stato d’animo si dichiarava rilassata dopo una bella giornata. Aveva postato una foto con accanto il suo compagno, Salvatore Pirronello, l’omicida che qualche ora dopo l’avrebbe massacrata a coltellate nel sonno. Patrizia coltivava la speranza di riallacciare un rapporto con il figlio dopo una separazione difficile e burrascosa dal padre. Una gioia che forse desiderava da tempo. Accanto a lei però, un mostro che meditava come eliminarla dalla sua vita. Pare che Patrizia avrebbe comunicato al convivente, la decisione di voler andare a vivere da sola, non per interrompere il rapporto, ma per avere la possibilità di riabbracciare i propri figli rimasti col padre dopo che era andata via da casa. La ricostruzione sembra sia stata rilasciata agli inquirenti da alcuni parenti e smentirebbe quella fornita dal Pirronello che avrebbe raccontato che la donna rifiutava di chiudere il rapporto con lui. Una tesi che gli investigatori cercano di valutare. Fino a ieri, i militari dell’arma che si occupano del caso pare che ancora non abbiano sentito i parenti e gli amici più stretti della vittima che potrebbero fornire ulteriori dati per stabilire l’esatto movente dell’omicidio.
Secondo quanto ricostruito, il Pirronello armato di un lungo coltello a serramanico, si sarebbe avvicinato alla donna mentre dormiva per poi colpirla ripetutamente all’addome. Il primo fendente ha svegliato la vittima che subito alzatasi ha cercato invano di difendersi riuscendo, mentre la lama la feriva alle braccia nel tentativo di parare i colpi, ad allontanare l’uomo che la colpiva nuovamente e a chiudersi dentro la stanza da letto. Questa ultima ricostruzione dei fatti sarebbe avvalorata da un’evidente forzatura riscontrata nella porta dopo che l’omicida aveva sferrato le prime coltellate. Non è ancora chiaro se l’uomo sia riuscito a forzare la porta per assestare gli altri fendenti e finire la vittima o i colpi letali abbiano raggiunto la donna prima che lui riuscisse a rientrare nella camera da letto.
Sempre il Pirronello, dopo il gesto efferato con gli abiti intrisi di sangue e con molta freddezza si è spogliato, cambiato e si è recato presso gli uffici del Comando Compagnia Carabinieri di Caltagirone. A nulla è valso l’arrivo dei sanitari del 118 entrati assieme agli uomini dell’Arma dentro l’appartamento: la donna era spirata a causa delle 4 coltellate all’addome e per uno shock emorragico.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook