COMMISSIONE ARS, OK AL PIANO CROCETTA PER I DISABILI GRAVI

COMMISSIONE ARS, OK AL PIANO CROCETTA PER I DISABILI GRAVI

Disabili gravi, ‘Piano Crocetta’ da 36 milioni ok dalla Commissione Sanità. Inoltre è stato approvato il progetto presentato dall’Irccs Bonino Pulejo relativo ai quattro fratelli Biviano di Lipari che prevede per tre anni un contributo annuo di 20.000 euro per ciascuno dei soggetti più 700 euro al mese per l’alloggio.

 

 

COMMISSIONE ARS, OK AL PIANO CROCETTA PER I DISABILI GRAVI –

La commissione Sanità dell’Ars ha approvato il Piano per la disabilita gravissima varato dalla giunta la scorsa settimana. L’atto darà la possibilità di poter impegnare i primi 36 milioni di euro per il Fondo, stanziati con la legge del 1 marzo 2017. Ai lavori della commissione, presieduta dall’on. Pippo Digiacomo, hanno partecipato il presidente della Regione Rosario Crocetta, l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi e l’assessore alla Famiglia Carmencita Mangano. La commissione Sanità ha inoltre approvato il Progetto presentato dall’Irccs Bonino Pulejo relativo ai quattro fratelli Biviano di Lipari: il piano triennale prevede un contributo annuo di 20.000 euro per ciascuno dei soggetti più 700 euro al mese per l’alloggio.
I contributi saranno erogati a 2.140 disabili gravissimi individuati sulla base dei criteri indicati dal decreto ministeriale 26 settembre 2016. Lo schema per la classificazione dei disabili è redatto attraverso tabelle mutuate sulla base di quelle utilizzate da anni nella Regione Toscana e valutate positivamente dal tavolo dei direttori delle Asp (si considerano livelli di autonomia, stato di coscienza e comunicazione, autosufficienza respiratoria ed alimentare etc).
In fase di prima applicazione per i mesi di aprile, maggio e giugno sarà versato a ciascun disabile gravissimo un assegno di 5.400 euro per le tre mensilità (pari a 1.800 euro al mese), i disabili di media gravità riceveranno invece un assegno di 3.000 euro (1.000 al mese). Il contributo sarà erogato dalle Asp direttamente al disabile o ad un suo rappresentante legale. Nei prossimi giorni le Asp comunicheranno l’elenco e la classificazione dei disabili destinatari del contributo.
Il presidente della Regione Rosario Crocetta è intervenuto nel merito della questione: «Il provvedimento approvato non rappresenta certo la soluzione definitiva ma un primo passo concreto per riuscire a rispondere ai problemi più urgenti di tanti disabili, fino a questo momento ‘invisibili’, dei quali finalmente ci si prende cura. Un provvedimento organico potrà partire solo dopo l’approvazione in commissione Bilancio del Fondo per le disabilità che dovrà prevedere uno stanziamento di non meno di 250 milioni di euro. E a proposito di cifre credo sia giusti ricordare che, nel confronto con le Regioni più ‘ricche’, la Toscana destina da 700 a mille euro al mese a disabile, l’Emilia Romagna da 600 a 1.600, la Lombardia 1.000 euro al mese. La Sicilia sta facendo un sforzo maggiore – conclude Crocetta – di questo e di tutti gli altri interventi necessari ne parleremo al Tavolo della disabilità dove porteremo avanti un confronto aperto con i diversi soggetti coinvolti. Ringrazio il presidente Digiacomo, l’assessore Gucciardi, l’assessore Mangano e i membri della commissione per il supporto che hanno dato in questa delicata fase».
Il presidente della commissione Sanità dell’Ars Pippo Digiacomo ha espresso soddisfazione per la risoluzione del problema: «Stiamo dando risposte concrete a situazioni molto serie. In commissione e abbiamo portato avanti un confronto a 360 gradi con disabili, associazioni, personale medico, istituzioni e forze politiche. Oggi possiamo dire che questo confronto, a volte aspro e complicato, è stato utile ed ha prodotto un primo importante passo nella direzione della soluzione dei problemi più urgenti».
Mentre l’assessore regionale alla Famiglia, Carmencita Mangano, partecipando ai lavori della VI commissione insieme al presidente della Regione Rosario Crocetta e all’assessore alla Salute Baldo Gucciardi ha affermato che: «L’obiettivo del Piano per la disabilità gravissima approvato oggi in commissione Sanità è una prima linea di intervento. Intanto, questo primo passo permetterà di impegnare i primi 36 milioni di euro per il Fondo, stanziati con la legge del 1 marzo 2017. Beneficiari dei contributi, come è noto, saranno 2.140 disabili gravissimi individuati sulla base dei criteri indicati dal D.M. 26 settembre 2016. Il prossimo step è quello di definire le linee d’intervento strategiche, con la personalizzazione del percorso assistenziale attraverso i piani di cura. So che i tempi risicati non ci aiutano, ma vorremmo porre solide basi per il futuro degli interventi in favore di un mondo così multiforme e complesso.”. “Mi preme sottolineare – conclude Mangano -, la necessità dell’apporto degli stessi destinatari degli interventi per disegnare insieme tale percorso».
Il Piano così come è stato stilato non piace, però, ai destinatari di questi aiuti, i disabili gravissimi, che già lo avevano criticato parlando di scelte sbagliate e inefficaci. In merito, il Forum del terzo settore chiede un incontro urgente proprio per affrontare le criticità di questo provvedimento.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook