Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAXI SEQUESTRO AL CLAN ‘MANGIALUPI’, 21 ARRESTI

MAXI SEQUESTRO AL CLAN ‘MANGIALUPI’, 21 ARRESTI

Sequestro milionario dei beni della Guardia di Finanza di Messina agli affiliati del clan Mangialupi per 10 milioni di euro. In corso anche 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere ai presunti affiliati della famiglia mafiosa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAXI SEQUESTRO AL CLAN ‘MANGIALUPI’, 21 ARRESTI –

Maxi blitz della Guardia di Finananza in provincia di Messina. Oltre all’esecuzione degli arresti, i militari hanno in in corso il sequestro di cospicui beni per un valore complessivo di quasi 10 milioni di euro. I Finanzieri del G.I.C.O. e del Nucleo di Polizia Tributaria dello Stretto stanno eseguendo inoltre 21 ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di altrettante persone ritenute vicine, a vario titolo, al clan mafioso dei ‘Mangialupi’. Per l’operazione, denominata ‘Dominio’ sono impegnati oltre centonovanta uomini e cinquanta mezzi della Guardia di Finanza.
La mega operazione antimafia è in corso dalle prima luci dell’Alba nella Provincia di Messina. I Finanzieri del G.I.C.O. e del Nucleo di Polizia Tributaria dello Stretto stanno eseguendo 21 ordinaze di custodia cautelare in carcere a carico di altrettante persone ritenute vicine, a vario titolo, al clan mafioso dei ‘Mangialupi’.

I militari della finanza hanno sequestrato tre società operanti nel settore del noleggio di apparecchiature di gioco e scommesse, diciotto immobili, tra cui una lussuosa villa con piscina, un prestigioso appartamento con attico, una rivendita di generi di monopolio e una imbarcazione per un valore complessivo di 10 milioni di euro.
Le persone arrestate sono Domenico La Valle, Paolo De Domenico, Francesco Laganà, Antonio Scimone, Alfredo Trovato, Salvatore Trovato e Giovanni Megna, indicati come appartenenti al clan di Mangialupi e accusati di associazione a delinquere di stampo mafioso finalizzata allo spaccio, estorsioni, scommesse e detenzione videoslot illegali.
Con le accuse a vario titolo di furto, spaccio di droga, estorsioni, detenzione di armi sono stati invece arrestati Alberto Alleruzzo, Francesco Alleruzzo, Angelo Aspri, Giovanni Aspri, Carmelo Bombaci, Nunzio Corridore, Santo Corridore, Francesco Crupi, Domenico Galtieri, Giuseppe Giunta, Daniele Mazza, Francesco Russo, Gaetano Russo e Mario Schepisi. Per tre persone è stato disposto l’obbligo di firma.
Nell’indagine viene indicata una figura di spicco: l’imprenditore Domenico La Valle, collegato al clan Mangialupi, che avrebbe costituito il punto di riferimento economico del clan stesso facendo da contraltare al ruolo operativo dei fratelli Trovato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook