PROVINCE, BIANCO CHIEDE ‘CONFRONTO STATO-CITTÀ SULLA DELRIO’

PROVINCE, BIANCO CHIEDE ‘CONFRONTO STATO-CITTÀ SULLA DELRIO’

Bianco propone Conferenza straordinaria per fare il punto della situazione sulla legge Delrio, «alla luce della mancata conferma della riforma costituzionale». Forte e risoluta l’opposizione del M5S, e dei comitati delle città di Gela, Niscemi, Piazza Armerina e Licodia Eubea. Dissenso dichiarato anche dal gruppo di Rosario Crocetta che della riforma che è ancora ferma e non del tutto decollata è stato tra i promotori e sostenitori.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PROVINCE, BIANCO CHIEDE ‘CONFRONTO STATO-CITTÀ SULLA DELRIO’ –

Enzo Bianco, sindaco di Catania e presidente del consiglio nazionale Anci durante la conferenza Stato-Città di oggi ha presentato delle richieste tra le quali l’organizzazione di una prossima Conferenza straordinaria per fare il punto della situazione sulla legge Delrio, «alla luce della mancata conferma della riforma costituzionale».
Bianco ha spiegato che: «I problemi non sono solo di natura finanziaria ma anche amministrativi e istituzionali. L’esito del referendum ci riconsegna le Province, e è necessario un ‘tagliando’ per capire quale sarà il nuovo assetto dei poteri locali e quali ricadute avrà sulle città, sulle Province stesse e sui piccoli Comuni».
La tendenza della Sicilia, è per un ritorno alle vecchie Province. La scorsa settimana Forza Italia ha proposto di immaginare una ‘finestra legislativa’ per procedere alla discussione di una legge voto in aula. Buona parte del Pd, di cui fa parte anche Bianco, è orientato al ripristino delle Province, ma con degli aggiustamenti, che potrebbero prevedere nuovamente anche l’elezione diretta del sindaco metropolitano o del presidente del libero consorzio.
La legge Delrio è una riforma sul contenimento della spesa ed è considerata dai più come grande riforma di sistema. Ora bisogna capire se l’Assemblea Regionale Siciliana, nell’ambito della nuova ‘controriforma’ avrà totale libertà di manovra considerando che lo Statuto, avrebbe competenze sugli enti locali o se è necessario prevedere un passaggio romano per evitare l’ipotesi di un’impugnativa davanti la Corte Costituzionale e dal Consiglio dei ministri.
Molti prevedono che la discussione in merito a Sala d’Ercole possa iniziare subito dopo l’esercizio finanziario che sta per concludersi, in tempi record, entro aprile o al massimo a metà primavera.
Forte e risoluta l’opposizione del M5S, e dei comitati delle città di Gela, Niscemi, Piazza Armerina e Licodia Eubea.  Dissenso dichiarato anche dal gruppo di Rosario Crocetta che della riforma ancora ferma e mai del tutto decollata è stato tra i promotori e sostenitori.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook