Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MORTO NELL’IMPASTATRICE CHE REALIZZAVA LATERIZI

MORTO NELL’IMPASTATRICE CHE REALIZZAVA LATERIZI

Il fatto è successo a Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Un artigiano 69 anni, mentre lavorava nel suo laboratorio ha perso la vita. E’ stato trovato incastrato nella macchina impastatrice che serviva per realizzare laterizi. Secondo le prime indagini potrebbe trattarsi di una manovra errata o un sopraggiunto malore.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MORTO NELL’IMPASTATRICE CHE REALIZZAVA LATERIZI –

Filippo Rubino, 69 anni è morto mentre si trovava nel suo laboratorio dove realizzava laterizi, in via dei Ciclopi, a Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Il cadavere dell’uomo è stato estratto dalla macchina dai vigili del fuoco che lo hanno trovato incastrato in una coclea utilizzata per l’impasto della produzione dei laterizi. I soccorsi sono stati tempestivi ma l’uomo era già deceduto. Oltre ai soccorsi, sul luogo dell’incidente sono intervenuti anche i carabinieri della locale stazione, il medico legale e personale dell’Asp. Secondo le prime verifiche, Rubino potrebbe essere rimasto incastrato nell’attrezzatura a causa di un movimento sbagliato o dopo essere colto da un sopraggiunto malore. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook