Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

AEROPORTO DI CATANIA, PACCO POSTALE CON BOMBA

AEROPORTO DI CATANIA, PACCO POSTALE CON BOMBA

Trovata in un pacco postale una bomba disinnescata ma carica di esplosivo. Un addetto alla sicurezza ha scoperto la granata che era all’interno dell’involucro. Sono scattate subito le indagini la scatola era proveniente dalla base di Sigonella e diretta negli Stati Uniti. A spedirla sarebbe stato un militare Usa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

AEROPORTO DI CATANIA, PACCO POSTALE CON BOMBA –

Nell’aeroporto di Catania, durante un controllo di routine, il personale Sac preposto al controllo delle spedizioni ha individuato un plico all’interno del quale vi era una bomba a mano, disinnescata ma carica di esplosivo e una cartucciera con proiettili vuoti. La scatola è stata individuata sulla posta in partenza per Roma.
Secondo i tecnici della polizia l’ordigno “era inerte”. Il pacco postale, in partenza su un volo misto (merci/passeggeri) diretto a Roma Fiumicino, proveniva dalla base Usa di Sigonella ed era stato consegnato al Terminal merci dello scalo Fontanarossa da uno spedizioniere. Il pacco era diretto negli Stati Uniti.
Dopo accurate indagini gli investigatori hanno individuato il mittente che lo aveva destinato a casa sua. L’artefice della vicenda sarebbe un militare americano.
L’episodio si è verificato nelle prime ore del pomeriggio, e ha comportato la sospensione delle attività del terminal merci per le necessarie operazioni di bonifica da parte delle unità cinofile e degli artificieri della polizia e in presenza della guardia di finanza.
La scoperta della bomba a mano e della cartucciera l’ha fatta un addetto alla sicurezza, Giovanni Calabretta, 41 anni, che ha individuato l’inequivocabile forma dei due oggetti, che rientrano nella lista degli articoli proibiti a bordo (in stiva o in cabina).
Una volta individuato il plico sospetto e il suo pericoloso contenuto, il dipendente ha bloccato il pacco all’interno dell’apparecchiatura rx, e ha avvertito i militari della guardia di finanza, la polizia e i superiori perché ne verificassero il contenuto secondo i protocolli di sicurezza aeroportuale. Effettuati gli accertamenti sono scattate le indagini che avrebbero portato al probabile mittente della pericolosa operazione di spedizione.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook