Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANCORA EMERGENZA RIFIUTI A BELLOLAMPO

ANCORA EMERGENZA RIFIUTI A BELLOLAMPO

Quasi al collasso la discarica di Bellolampo. Oltre 300 tonnellate di rifiuti al giorno partono da Palermo per Motta Sant’Anastasia per rinviarne la saturazione.

 

 

ANCORA EMERGENZA RIFIUTI A BELLOLAMPO –

Il sindacato Fit Cisl contro l’emergenza rifiuti. La Regione Siciliana, ha emanato venerdì scorso un’ordinanza con la quale impone alla Rap (Risorse ambiente Palermo), dopo aver effettuato il trattamento dei rifiuti in discarica, di non conferirli per intero nella sesta vasca di Bellolampo. L’atto prevede che si inviino ogni giorno 300 tonnellate a nella discarica di Motta Sant’Anastia in provincia di Catania. L’ordinanza è stata emanata come misura preventiva per evitare il riempimento della vasca che si esaurirebbe in cinque mesi ovvero in piena estate, periodo particolarmente caldo per il conferimento di rifiuti anche per effetto dell’aumento dei residenti dei comuni del comprensorio. Per la società che gestisce lo smaltimento, questo significa un aumento di costi da 11 milioni di euro l’anno imposto con ordinanza regionale visto che ogni tonnellata verrebbe a costare 100 euro, per 300 tonnellate al giorno. Ciò significa un incremento di costi da 30 mila euro al giorno.
Con una nota i responsabili del sindacato Fit Cisl scrivono che: «Con la nuova ordinanza del Presidente della Regione che impone alla Rap, la frittata è fatta, con i costi di viaggio e di conferimento a carico della Rap, la Regione mette a rischio l’equilibrio economico finanziario dell’azienda di igiene ambientale del capoluogo siciliano. L’amministrazione comunale non ha colto le ripetute sollecitazione del sindacato sulla necessità di una strategia sulla dotazione impiantististica a Bellolampo e la RAP deve completare la predisposizione dei progetti per la nuova vasca».
Dionisio Giordano, segretario regionale fit cisl ambiente interviene in merito dicendo: «Lo avevamo denunciato già nel dicembre 2015 quando le ordinanze regionali imposero alla RAP di ricevere presso la discarica di Bellolampo i rifiuti di circa 40 comuni della provincia, che il rischio di saturazione anticipata della discarica di Palermo avrebbe avuto ricadute economico-finanziarie sulla Rap con conseguenze sulla tenuta dei conti dell’ azienda di piazzetta Cairoli, paghi il governo Crocetta la mancata infrastrutturazione della Sicilia in tema di rifiuti e non i lavoratori». Continua il sindacalista della fit Cisl: «Abbiamo ripetutamente sollecitato l’amministrazione comunale, la Rap ed il governo regionale a guardare in prospettiva, fuori da logiche di contrapposizione politica, con il monito che eventuali effetti negativi non sarebbero dovuti ricadere sui lavoratori. Avevamo anche sollecitato la velocizzazione degli iter per la costruzione della settima vasca e per una maggiore spinta sulla raccolta differenziata». In conclusione: «Sia chiaro a tutti gli attori interessati che l’incapacità, l’assenza di una reale strategia verso il tema delicato e importante come quello dei rifiuti in Sicilia, le logiche di contrapposizione politico elettoralistica, non saranno certamente pagate dai lavoratori della Rap ed invitiamo con urgenza, governo regionale, comune di Palermo e azienda a trovare la soluzione che eviti un nuovo dissesto economico finanziario dell’azienda che certamente non vedrà i lavoratori spettatori passivi».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook