Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ESPLOSIONE SULL’ETNA, PROCURA APRE INCHIESTA

ESPLOSIONE SULL’ETNA, PROCURA APRE INCHIESTA

Sull’incidente accaduto qualche giorno fa sull’Etna che ha causato parecchi feriti, la Procura di Catania apre un fascicolo: per ora senza indagati. Gli inquirenti dovranno accertare eventuali responsabilità sui livelli di sicurezza impiegati nella sommità del vulcano più alto d’Europa.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ESPLOSIONE SULL’ETNA, PROCURA APRE INCHIESTA –

In Riferimento alle eventuali responsabilità relative ai livelli di sicurezza adottati sull’Etna dopo l’esplosione freatica del 16 marzo scorso che si è verificata a quota 2.700, la Procura di Catania ha aperto un’inchiesta. Nell’esplosione erano rimasti coinvolti non in modo grave una decina di escursionisti italiani e stranieri. Il fascicolo, di cui è titolare il procuratore Carmelo Zuccaro, al momento è senza indagati.
Dalle prime notizie, che riguardano gli argomenti inseriti nell’inchiesta la tempistica la tempistica inerente l’ordinanza di accesso nelle zone pericolose del vulcano e in particolare se la zona denominata ‘rossa’ si sarebbe dovuta abbassare di quota prima dell’accaduto. Inoltre l’azione delle guide dell’Etna che avrebbero dovuto garantire la sicurezza dei visitatori che accompagnavano.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook