Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ETNA, CONTINUA L’ATTIVITÀ ERUTTIVA

ETNA, CONTINUA L’ATTIVITÀ ERUTTIVA

L’attività del vulcano nella notte si era placata, poi l’energia eruttiva è ritornata. Il fronte lavico avanza e scende oltre il luogo dove ieri si è verificata l'esplosione che ha ferito in maniera lieve dieci escursionisti. Fino ad ora, i responsabili dell’aeroporto di Fontanarossa hanno limitato gli atterraggi che non possono superare 5 l’ora.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ETNA, CONTINUA L’ATTIVITÀ ERUTTIVA –

Nella notte l’attività dell’Etna era sembrata placarsi. Ma alle prime luci dell’alba è ripresa la fase eruttiva con la stessa energia di ieri. Dalle prime valutazioni della situazione la colata che emerge dalla bocca apertasi nel nuovo cratere di sud-est è bene alimentata. La lava continua a scendere e il fronte più avanzato ha superato il Belvedere, dove ieri un’esplosione aveva ferito una decina di persone in maniera non grave. La fuoriuscita di magma lavico continua e ha preso la direzione della desertica Valle del Bove.
I due turisti inglesi (un uomo e una donna), che ieri erano nella lista dei feriti sono stati dimessi dall’ospedale di Acireale. Il primo aveva riportato un leggero trauma cranico mentre lei le sono state diagnosticate contusioni alla mano e alla colonna vertebrale. Gli sfortunati viaggiatori sono rientrati in albergo, ringraziando medici e infermieri per l’assistenza e le accortezze prestate dal personale sanitario.
I due escursionisti, nonostante il pericoloso inconveniente che hanno subito, non hanno cambiato il loro parere sulla terra di Sicilia che trovano meravigliosa con gente molto accogliente.
Anche gli altri quattro feriti hanno lasciato l’ospedale Cannizzaro di Catania. Una coppia tedesca che era sotto choc che è stata dimessa nella tarda serata di ieri. Hanno invece firmato le dimissioni volontarie una donna, anche lei tedesca, che ha riportato una frattura al gomito, e un giovane di Zafferana Etnea, che è una delle guide dell’Etna, che ha riportato un trauma cranico. La turista, con il braccio protetto da un tutore, ha preferito continuare il suo viaggio e il giovane tornare a casa.
Intanto, oltre alla lava, dal cratere di Sud Est è in atto un’attività stromboliana che produce fontane di lava, forti boati e una lieve emissione di cenere che la notte passata era cessata, ma è ripresa nuovamente. Un codice rosso è stato diramato dall’aeroporto di Catania per gli spazi aerei in via precauzionale che a tutt’ora permette solo 5 atterraggi l’ora, mentre non sono state imposte limitazioni ai decolli.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook