Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TRUFFA MILIONARIA DI FALSI BRACCIANTI A RIESI

TRUFFA MILIONARIA DI FALSI BRACCIANTI A RIESI

Mega-truffa all’Inps. Un'impresa agricola avrebbe fatto ottenere sussidi illeciti per 900mila euro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TRUFFA MILIONARIA DI FALSI BRACCIANTI A RIESI –

Su delega della Procura Nissena, le fiamme gialle di Caltanissetta e i militari della stazione dei carabinieri di Riesi, in una operazione congiunta hanno denunciato 137 falsi braccianti agricoli per truffa aggravata ai danni dello Stato e falso.
Il danneggiamento perpetrato all’Inps, in tre anni, sarebbe stato quantificato in 900 mila euro. Gli accertamenti sono stati effettuati a un’impresa agricola fittizia di Riesi, comune di Caltanissetta. L’azienda era gestita da un romeno e un italiano, che avrebbero dato la possibilità ai falsi braccianti di ottenere: «sussidi di disoccupazione agricola semplice, assegni per il nucleo familiare, per malattia e per maternità».
Nei confronti degli indagati è stato disposto anche il sequestro di alcuni conti correnti, di un complesso aziendale, di tre appezzamenti di terreno e di tre autovetture per un importo pari a quello illecitamente percepito e la segnalazione all’Inps per il recupero delle somme erogate.
Inoltre, il legale rappresentante della ditta, 42 anni, è stato denunciato per estorsione: avrebbe minacciato di morte e di rappresaglia un falso bracciante e la sua famiglia per ottenere illecitamente somme di denaro derivanti dalle indennità di disoccupazione percepite dallo stesso.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook