Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

GELOSIA A MESSINA: LA PICCHIA E LE BRUCIA L’AUTO

GELOSIA A MESSINA: LA PICCHIA E LE BRUCIA L’AUTO

Per l’incresciosa vicenda è finito in manette un quarantenne di Messina. Il marito, per gelosia minacciava pedinava la moglie e la minacciava continuamente.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

GELOSIA A MESSINA: LA PICCHIA E LE BRUCIA L’AUTO –

Il fatto è successo ieri a Messina, dopo l’ennesimo litigio sfociato in folle violenza sono intervenute alcune le pattuglie della questura di Messina che hanno arrestato un uomo di 40 anni. L’individuo, dopo aver minacciato la moglie e averla colpita ripetutamente con calci e schiaffi, le ha bruciato la vettura che la signora aveva posteggiato sotto casa. Inoltre, nonostante la presenza degli agenti di polizia l’aggressore ha continuato a insultarla e inveire contro di lei.
I poliziotti nel corso di una perquisizione nell’abitazione dei coniugi hanno rinvenuto 4 coltelli, un tirapugni, una mazza da baseball, un sacchetto di cellophane con 200 grammi di canapa indiana, una scatola di carta alluminio e un bilancino di precisione. Come riferito dalla vittima, il marito in passato le rivolgeva parole offensive, la pedinava, la percuoteva, e non smetteva di controllarla per gelosia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook