Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale, Religione

CURIA MONREALE, MAFIOSI NON POSSONO FARE I PADRINI NEI BATTESIMI E CRESIME

CURIA MONREALE, MAFIOSI NON POSSONO FARE I PADRINI NEI BATTESIMI E CRESIME

Nel decreto emesso dalla curia: «Non possono essere ammessi all’incarico di padrino del battesimo e della cresima coloro che si sono resi colpevoli di reati disonorevoli».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CURIA MONREALE, MAFIOSI NON POSSONO FARE I PADRINI NEI BATTESIMI E CRESIME –

Michele Pennisi, Arcivescovo di Monreale assume una dura posizione ‘chi è mafioso non può fare il padrino’. Netto l’atteggiamento del presule, dopo avere sentito il Consiglio Presbiterale Diocesano ha emesso un decreto che vieta ai mafiosi di divenire padrini di cresima o battesimo.
Nell’atto si legge: «Non possono essere ammessi all’incarico di padrino del battesimo e della cresima coloro che si sono resi colpevoli di reati disonorevoli o che con il loro comportamento provocano scandalo; coloro che appartengono ad associazioni di stampo mafioso o ad associazioni più o meno segrete contrarie ai valori evangelici ed hanno avuto sentenza di condanna per delitti non colposi passata in giudicato».
Il decreto, è stato emanato a seguito di un precedente atto del 5 maggio del 2014 riguardante i membri delle Confraternite.
Che prende origine da alcuni documenti della Conferenza Episcopale Siciliana del 1982, del 1994, del 1996 e del 2012 secondo i quali: «tutti coloro che, in qualsiasi modo deliberatamente, fanno parte della mafia o ad essa aderiscono o pongono atti di connivenza con essa, debbono sapere di essere e di vivere in insanabile opposizione al Vangelo di Gesù Cristo e, per conseguenza, alla sua Chiesa». Inoltre in riferimento al Codice di Diritto canonico ai padrini viene: «richiesto che conducano una vita conforme alla fede e all’incarico che assumono e si impegnino ad educare nella fede coloro che ricevono i sacramenti del battesimo e della cresima perché adempiano fedelmente gli obblighi che derivano dai sacramenti ricevuti e si comportino come veri testimoni di Gesù Cristo».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook