Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ARDIZZONE E FIUMEFREDDO AI FERRI CORTI

ARDIZZONE E FIUMEFREDDO AI FERRI CORTI

Continua lo scontro a distanza fra il presidente dell’Ars, Giovanni Ardizzone, e l’amministratore di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo. Il presidente dell'Ars dice: «L'amministratore fa il giro delle tv a sbandierare i dati della società». La replica: «Non una parola sui deputati inadempienti col fisco».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARDIZZONE E FIUMEFREDDO AI FERRI CORTI –

Ardizzone parla a palazzo San Macuto, il presidente dell’Assemblea regionale Siciliana ha chiesto di essere sentito davanti alla Commissione parlamentare Antimafia dopo il caso Riscossione Sicilia e gli attacchi arrivati anche dalla tv al parlamento siciliano durante due puntate della trasmissione L’Arena di Raiuno. Ardizzone tuona contro l’amministratore di Riscossione Sicilia, Antonio Fiumefreddo: «L’Assemblea regionale siciliana viene rappresentata come un coaugulo di criminali che non vuole ricapitalizzare Riscossione Sicilia chissà per quali motivi. Io a tutto questo non ci sto. C’è un condizionamento dell’Assemblea, si è avviata una campagna mediatica che non mira a risolvere i problemi di Riscossione Sicilia: non lo dico io ma i sindacati». E ancora prosegue Ardizzone, il quale ha aggiunto che Riscossione Sicilia non ha presentato alcun Piano industriale che era atteso: «Io posso concepire che l’avvocato Fiumefreddo, amministratore di Riscossione Sicilia, venga in Commissione Antimafia con atti segretati ma non si fa il giro di tutte le trasmissioni televisive, questa è una antimafia di facciata, è voler trarre un beneficio di tipo politico: se sono amministratore non ho bisogno di sbandierare ai quattro venti quello che ho fatto. Si vuole fare carriera politica mentre bisognava fare un disegno strategico che non è stato fatto dal governo regionale”. Sempre il presidente dell’Ars aggiunge: «C’è un forte attacco mediatico messo in atto da questo amministratore: sulla ricapitalizzazione, non voteremo con serenità».
Ardizzone ha detto poi che in Sicilia c’è stato un decremento nella riscossione almeno nel 2015 (i dati del 2016 non sono disponibili) e che Riscossione Sicilia è stata ricapitalizzata più volte: «In tutta Italia si sta andando verso un nuovo assetto normativo, Equitalia non esisterà più, si avverte da più parti quindi la necessità di intervenire su questa vicenda: superare Riscossione Sicilia non significa stringere patti con i criminali».
Ardizzone ha proseguito: «Mi ha fatto piacere essere audito oggi dall’Antimafia, per altro sotto mia richiesta, perché c’è stato un forte condizionamento mediatico da parte di trasmissioni populistiche, che hanno ospitato l’avvocato Fiumefreddo, amministratore di Riscossione Sicilia, che oltre a fare disinformazione hanno inteso condizionare l’attività dell’Assemblea siciliana».
Ardizzone riportando frasi pronunciate da Fiumefreddo nel corso di alcune trasmissioni televisive ha detto: «Se non si ricapitalizza Riscossione Sicilia è come se si volessero assecondare secondi fini non proprio nobili». Ardizzone ha anche reso noto anche che in questi giorni l’amministratore unico di Riscossione ha pubblicato un video di una seduta convulsa della commissione bilancio dell’Ars con, nel sottofondo, le note del film Il Padrino e poi ha detto: «Non è tollerabile, siamo al folklore”. L’Assemblea regionale siciliana, nel biennio 2015-2016, ha stanziato per ricapitalizzare Riscossione Sicilia rispettivamente 40 milioni di euro e oltre 13 milioni di euro. Le previsioni per il triennio 2017-2019 parlano di altri 32 milioni, 62 milioni e 27 milioni di euro per un totale, tra il 2015 e il 2019 di quasi 175 milioni.
Non si è fatta attendere la replica di Antonio Fiumefreddo: «Dal presidente Ardizzone che ha chiesto d’essere audito in Commissione nazionale Antimafia è venuto un imbarazzato e balbettante silenzio sulle mie denunce. Non una parola sugli appalti irregolari fiscalmente, non un cenno sulle tasse chieste alle multinazionali del petrolio e mai incassate prima, non una sillaba sull’aggressione dei patrimoni criminali aggrediti per la prima volta in Sicilia, silenzio anche sui deputati indagati per fatti gravissimi ed inadempienti col fisco. Unica preoccupazione di Ardizzone la difesa, invero impossibile, del Palazzo del potere e l’ossessione di farmi fuori da Riscossione Sicilia».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook