Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FIACCOLATA PER RICORDARE MARCELLO CIMINO

FIACCOLATA PER RICORDARE MARCELLO CIMINO

Fiaccolata per Marcello Cimino arso vivo per futili motivi. A guidare il corteo le figlie e la ex moglie assistiti da padre Domenico Spatola.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

FIACCOLATA PER RICORDARE MARCELLO CIMINO –

Erano quasi cinquecento persone vicino la Chiesa dei Cappuccini alla fiaccolata per ricordare Marcello Cimino la persona arsa viva nel sonno sotto il portico della mensa di San Francesco dove era solito dormire. A guidare il corteo le figlie e l’ex moglie Iolanda. Presente anche padre Domenico Spatola.
Vicino alla famiglia della vittima, il sindaco Leoluca Orlando che ha preso parte al corteo con altri esponenti politici e rappresentanti delle associazioni di volontariato che assistono i bisognosi come gli Angeli della Notte e la Comunità di Sant’Egidio. Hanno partecipato anche tanti palermitani che insieme hanno percorso in silenzio le strade del quartiere sostando nel luogo dove si è consumata la tragedia.
La Caritas di Palermo, il parroco frate Enzo Marchese e i Padri cappuccini, insieme a tutte le realtà che ogni giorno vivono il loro servizio a Dio e all’Uomo aiutando le persone più fragili, hanno invitato tutte le comunità, le associazioni, i movimenti, i gruppi ecclesiali e tutte le persone di buona volontà, ad un momento di silenzio e preghiera per ricordare Marcello Cimino che si svolgerà oggi alle ore 21 nella parrocchia di Santa Maria della Pace in piazza Cappuccini a Palermo. All’incontro parteciperà l’arcivescovo Corrado Lorefice.
Giuseppe Pecoraro, 45 anni, il benzinaio che ha bruciato vivo Marcello Cimino si presenterà domani davanti al giudice per l’udienza di convalida del fermo di polizia. L’assassino ha confessato ed è difeso dagli avvocati Brigida Alaimo e Carolina Varchi. Mentre l’avvocato Giuseppe Giamportone si offerto di assistere gratuitamente i familiari della vittima.
Le indagini sono state coordinate dal Pm Maria Forti. Identificazione e arresto di Pecoraro è avvenuto grazie alle immagini fornite dalle telecamere installate nelle vicinanze della mensa e dai tanti riscontri trovati dagli investigatori della Squadra omicidi della questura di Palermo. In poche ore è stato ricostruito l’alterco tra Cimino e Pecoraro avvenuto davanti al fruttivendolo in piazza Cappuccini a poche metri dalla mensa.
Causa del litigio la moglie di Pecoraro che pare avesse iniziato una relazione con la vittima. Gli investigatori hanno ascoltato numerosi testi che con difficoltà hanno ammesso di aver visto litigare i due. Pare che durante l’interrogatorio non vi sia stato un pentimento dell’assassino. Pecoraro ha cercato di spiegare la sua verità tentando di giustificare l’orribile atto commesso. Inizialmente ha anche cercato di affermare che non era stato lui a bruciare Cimino: ma incalzato dai fatti e dalle immagini è crollato.

 

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook