Archiviato in | Mostre, Pittura

MOSTRA TAORMINA, “IL FUTURO SOPRAVVENUTO”

MOSTRA TAORMINA, “IL FUTURO SOPRAVVENUTO”

I criteri della mostra e il significato del sottotitolo - “Avanguardia futurista. La vita entra nell’arte trasformandola in evento” - sono stati illustrati dai curatori, da noi intervistati. Tutti hanno sottolineato un dato ormai acquisito da oltre trent’anni: il futurismo è stato il fenomeno culturale italiano maggiormente conosciuto all’estero e capace di coinvolgere ogni aspetto dell’esperienza umana. Proprio questa dimensione internazionale dell’arte italiana ha indotto gli organizzatori a allestire la mostra “Il Futuro Sopravvenuto” in occasione del G7 a Taormina.

 

MOSTRA TAORMINA, “IL FUTURO SOPRAVVENUTO” –

In modo informale e disinvolto– come è opportuno che sia nella stravagante Taormina  – è stata inaugurata la mostra “Il Futuro Sopravvenuto”, che resterà aperta fino al 14 giugno e si tiene nell’ex chiesa del Carmine, a pochi passi dal corso che attraversa la celebre cittadina.
Scriviamo subito i nomi dei giovani, ma non per questo sprovveduti, curatori: Giuseppe Stagnitta e Giancarlo Carpi (che è anche collezionista). I due curatori, in collaborazione con Serena Dell’Aira, hanno fatto un buon lavoro: avevano a disposizione uno spazio circoscritto e, in quella che era la navata della chiesa, sono riusciti a creare un percorso coerente, esponendo poche ma significative opere, che permettono di seguire per sommi capi il movimento futurista dai prodromi sino al 1944, anno dello scioglimento.
I futuristi Giacomo Balla, Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Gino Severini e Luigi Russolo – cioè i cinque firmatari dei manifesti pittorici del 1910 – sono presenti nella mostra taorminese, che espone anche quadri, opere grafiche, oggetti d’arredamento, foto, manifesti originali di Fortunato Depero, Gerardo Dottori, Farfa, Fillia,, Mario Sironi, Anton Giulio Bragaglia, Julius Evola e molti altri. Al centro della navata, alcuni manichini mostrano a tutto tondo abiti ispirati ai disegni originali del 1927, mentre il commento sonoro della mostra è ricreato con musica che ha a base il rumorismo di stampo futurista.
I criteri della mostra e il significato del sottotitolo – “Avanguardia futurista. La vita entra nell’arte trasformandola in evento” – sono stati illustrati dai curatori, da noi intervistati. Tutti hanno sottolineato un dato ormai acquisito da oltre trent’anni: il futurismo è stato il fenomeno culturale italiano maggiormente conosciuto all’estero e capace di coinvolgere ogni aspetto dell’esperienza umana. Proprio questa dimensione internazionale dell’arte italiana ha indotto gli organizzatori a allestire la mostra “Il Futuro Sopravvenuto” in occasione del G7 a Taormina.


All’inaugurazione era presente Anna Maria Ruta, una assoluta autorità quando si parla di studi sul futurismo, in campo figurativo. La Ruta, nel 2005, sempre nell’ex chiesa del Carmine di Taormina, fu la curatrice della mostra “Futurismo in Sicilia 1914-1935” che fece conoscere opere di Pippo Rizzo, Vittorio Corona, Giovanni Varvaro, Giulio D’Anna (ora nuovamente esposto): tutti artisti siciliani che, in vario modo, parteciparono alla “avanguardia rivoltosa e visionaria” del futurismo e che, sempre a Taormina, esposero nell’importante “Mostra Internazionale di Arti decorative”, nel 1928.
Si può dunque dire che tra Taormina e il futurismo vi è un binomio che dura sin dalle origini; tanto che lo scrittore futurista Aniante ambientò nella disinibita cittadina il suo “Ultime notti di Taormina”, stampato nel 1930. Il romanzo non fu ben accolto dai borghesi benpensanti (che dapprincipio non compresero neanche l’arte futurista) che bollarono così il romanzo “… siamo in Sicilia, e sia pure in una Sicilia specialissima come può essere Taormina, la Sicilia degli stranieri, dei depravati, degli originali, dei mattoidi, dei cocainomani, dei pederasti, dei bari, dei don Giovanni, delle avventure inverosimili” ecc. In sintesi:dove organizzare una mostra sul futurismo se non a Taormina?
Ultima notazione: in una collezione privata giacciono manifesti pubblicitari realizzati da Fortunato Depero per una importante industria siciliana. Auspichiamo che questo giacimento culturale venga finalmente studiato e divulgato.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook