Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ARSO VIVO A PALERMO: VITTIMA E OMICIDA SI VEDEVANO A MENSA

ARSO VIVO A PALERMO: VITTIMA E OMICIDA SI VEDEVANO A MENSA

L’inchiesta entra nel vivo e nuovi particolari si aggiungono al brutale omicidio avvenuto a Palermo. L’assassino non sopportava le attenzioni di Cimino che rivolgeva alla compagna. Vittima e omicida erano entrambi separati e frequentavano il refettorio dei cappuccini. Indagini della procura per la diffusione del video.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ARSO VIVO A PALERMO: VITTIMA E OMICIDA SI VEDEVANO A MENSA –

Il brutale omicidio di Marcello Cimino è maturato in un contesto di povertà e solitudine. La vittima 45 anni è stata arsa viva mentre sotto il portico della missione San Francesco dei frati cappuccini a Palermo mentre era nel sonno. Il delitto è avvenuto  sotto i riflettori di una telecamera di sorveglianza e completamente registrato.
Ieri, Giuseppe Pecoraro, 45 anni, ha confessato il delitto agli investigatori della squadra mobile. L’assassino ha anche detto che condivideva spesso con la vittima pranzo e cena nella mensa della missione, dove il benzinaio si recava al termine del lavoro che prestava presso il distributore di carburante ubicato a poche decine di metri dal refettorio dei padri cappuccini. Si era separato dalla moglie anche lui, così come Cimino. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, Giuseppe Pecoraro non avrebbe sopportato le attenzioni che Cimino rivolgeva alla sua ex moglie.
Proprio per questo motivo, i due avrebbero avuto degli screzi, proprio per la gelosia del benzinaio, che due notti fa ha riempito un secchio di liquido infiammabile, che ha riversoto sul “rivale” mentre dormiva e gli ha dato fuoco.
Il ministro dell’Interno, Marco Minniti è intervenuto oggi dal Lingotto di Torino sull’orribile tragedia consumata: «Ieri abbiamo visto l’immagine drammatica di un uomo bruciato, sui giornali. È stato detto che era un clochard, lui non era un clochard era un uomo e si chiamava Marcello Cimino. E’ stato assassinato nel modo più barbaro possibile, nulla di più drammatico che dare fuoco ad una persona e consentitemi con orgoglio da italiano di poter dire che in poche ore la polizia di Palermo ha assicurato alla giustizia quel barbaro».
Una delle figlie urla davanti al luogo del delitto: «Papà non meritava questo, chi l’ha ucciso deve fare la stessa fine». Il padre aveva una casa, in via Vincenzo Barone nel Villaggio Santa Rosalia, ma aveva deciso di vivere per strada non avendo più un lavoro e cercando di racimolare qualche euro vendendo ferro vecchio e cianfrusaglie. Infatti, il materiale lo recuperava dai cassonetti della spazzatura e nei marciapiedi di un mercato abusivo che nei week-end viene improvvisato tra i vicoli del quartiere Albergheria.
Il sindaco Leoluca Orlando, che ha fatto esporre le bandiere a mezz’asta sui balconi del Palazzo Comunale è intervenuto nel merito: «Siamo turbati da tanta brutale violenza». Intanto per ricordare Marcello, i partecipanti con le fiaccole sfileranno in corteo che partirà da piazza Cappuccini fino a raggiungere la missione San Francesco, dove è avvenuto l’omicidio.
La Procura di Palermo, che indaga sull’omicidio, ha aperto una indagine per violazione del segreto istruttorio e favoreggiamento in merito alla diffusione del video che riprende l’assassino mentre compie il delitto.  Secondo gli investigatori la diffusione delle immagini avrebbero potuto compromettere l’inchiesta.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook