PROTESTANO A CATANIA GLI EX LAVORATORI QÈ

PROTESTANO A CATANIA GLI EX LAVORATORI QÈ

La Manifestazione di protesta e il sit-in si sono tenuti davanti la sede della prefettura di Catania: i sindacati: «Invitiamo il prefetto a una convocazione urgente poiché il tempo a disposizione sta per esaurirsi e i lavoratori a breve non potranno contare sugli ammortizzatori sociali».

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PROTESTANO A CATANIA GLI EX LAVORATORI QÈ –

Questa mattina ex lavoratrici e lavoratori del call center Qè di Paternò hanno tenuto davanti alla prefettura di Catania una manifestazione di protesta per il lavoro. I dimostranti chiedono l’accelerazione delle committenti nazionali Inps, Enel, Transcom, Sky e Wind a partecipare al tavolo regionale aperto e sollecitato dal Ministero dello Sviluppo Economico. si tratta di un incontro importante che prevede un gruppo di lavoro fortemente sostento dal sindacato e dagli ex dipendenti dove è prevista la presenza di un imprenditore locale disponibile ad avviare un progetto di lavoro potenzialmente efficace.
Secondo i segretari Rsu di Slc Cgil e Fistel Cisl di Catania, il percorso concordato al Mise alla presenza del vice ministro Bellanova e la Regione Sicilia di un tavolo per ricercare soluzioni occupazionali per i circa 600 lavoratori sta decelerando. Anche perché a dicembre il personale Qè si ritroverà senza occupazione. I rappresentanti delle sigle sindacali evidenziano che la problematica: «sta subendo un rallentamento, a nostro parere causato dalla mancanza di responsabilità sociale e lavorativa delle committenti dell’ex azienda Qè. Abbiamo sempre chiesto di riavere le commesse per riprendere un confronto con un imprenditore locale che si è subito reso disponibile ad un progetto industriale e di riqualificazione ed è incomprensibile questo atteggiamento di Enel, Inps, Wind e Sky che non possono rimanere a guardare».
Intanto i delegati sindacali hanno chiesto nuovamente ai responsabili della Prefettura di Catania di intervenire nei confronti delle aziende per l’occasione commentano: «Questa è una lotta di dignità sociale contro la mala gestione imprenditoriale e politica che si annida nel nostro territorio. Invitiamo il prefetto a una convocazione urgente poiché il tempo a disposizione sta per esaurirsi e i lavoratori a breve non potranno contare sugli ammortizzatori sociali».

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook