Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COMUNE VITTORIA: ARRESTATO EX CAPO TECNICO

COMUNE VITTORIA: ARRESTATO EX CAPO TECNICO

Sono scattate le manette l’ex capo ufficio tecnico del Comune di Vittoria. Le accuse mosse sono concussione e abuso d’ufficio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COMUNE VITTORIA: ARRESTATO EX CAPO TECNICO –

Gli agenti della polizia la Polizia di Stato hanno arrestato un ingegnere di Messina, Giuseppe Chiofalo, 54 anni ex dirigente dell’Ufficio Urbanistica del Comune di Vittoria. Nei suoi confronti il gip su richiesta della Procura di Ragusa ha emesso un’ordinanza di custodia eseguita dalla Squadra mobile della Questura iblea. Il Comune pochi mesi addietro lo aveva allontanato per alcuni comportamenti irregolari. L’uomo era ex capo dell’ufficio tecnico del Comune di Vittoria. Le accuse sono concussione e abuso d’ufficio. ‘Consigliava’ ai cittadini che facevano richiesta di concessione edilizia di rivolgersi necessariamente ad una sua stretta collaboratrice.
Le indagini sono state avviate qualche anno fa quando al Commissariato di Vittoria erano giunte segnalazioni che qualcuno all’ufficio tecnico del comune faceva intendere, a chi presentava istanze a vario titolo, che fosse opportuno rivolgersi solo ad alcuni professionisti collegati a Chiofalo.
Gli investigatori della Squadra Mobile di Ragusa avvalendosi di intercettazioni telefoniche e ambientali acquisite con microspie posizionate all’interno dell’ufficio tecnico del Comune di Vittoria, hanno accertato che l’ingegnere Chiofalo in almeno un’occasione aveva indotto una cittadina a revocare l’incarico a un professionista di Vittoria per assegnarlo a una collega ingegnere di Catania dove Chiofalo era il titolare dello studio di professionisti.
La giovane professionista, stranamente, otteneva la protocollazione dell’istanza proprio da Chiofalo che il giorno dopo la presentazione la sottoponeva alla conferenza deputata a decidere sull’istanza.
E proprio la giovane collega si recava da Catania a Vittoria solo per presentare formalmente la pratica. Alla ragazza appena laureatasi una piccola somma di denaro mentre a Chiofalo una consistente cifra per un lavoro da lui non svolto, ma da lui organizzato mediante l’induzione della cittadina che aveva solo bisogno di una concessione in breve tempo, pertanto convinta a sostituire e poi pagare un altro ingegnere di Catania.
La stessa giovane ingegnere era preoccupata per il comportamento del titolare dello studio come dimostrano le intercettazioni di telefonate fatte al fidanzato e per le testimonianze raccolte nel corso dei mesi d’indagine.
A Chiofalo viene anche contestato l’abuso d’ufficio dopo avere ricevuto una telefonata con richiesta di un favore da un professionista vittoriese che aveva bisogno di un’autobotte di acqua. Chiofalo per favorire l’amico ordinava a degli operai del comune di Vittoria di consegnare l’acqua al suo amico senza però rispettare la lista di priorità.
Chiofalo per ottenere favori e privilegi andava in giro con l’auto intestata al proprio studio ingegneristico mostrando un distintivo di segnalazione manuale, paletta e un lampeggiante.
Fino al giorno prima dell’arresto, quando Chiofalo è stato monitorato per individuare l’abitazione di residenza, ha usato la paletta per non pagare il parcheggio in aeroporto.
Per questi fatti era già stato denunciato e nell’occasione si era presentato come il segretario particolare di un onorevole nazionale con il quale, effettivamente, in passato aveva collaborato ma da anni il rapporto si era interrotto.
Con l’accusa di concussione e abuso d’ufficio, all’ingegnere gli è stato ingiunto il soggiorno ai domiciliari.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook