Archiviato in | Politica, Politica Regionale

ELEZIONI SICILIA: SLITTANO LE AMMINISTRATIVE

ELEZIONI SICILIA: SLITTANO LE AMMINISTRATIVE

Verso il voto l’undici giugno con ballottaggio il 25 dello stesso mese. Ancora la notizia non è ufficiale però negli ambienti politici sembra ormai scontata. Nel decreto in cui è previsto lo svolgimento dei comizi ai giorni in cui si voterà non possono passare meno di 60 giorni. Quindi dopo il 7 marzo, non sarà più possibile votare il 7 maggio e le l domeniche 14, 21 e 28 dello stesso mese prevedono impedimenti legati al ‘G7’ che si svolgerà a Taormina proprio a maggio.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ELEZIONI SICILIA: SLITTANO LE AMMINISTRATIVE –

E’ probabile che le elezioni in Sicilia fissate a maggio possano slittare di un mese. Nonostante sindaci e consigli comunali in scadenza a maggio proprio in quel mese, la Regione sta considerando di indire i comizi elettorali.  Alle urne si potrebbe andare la domenica 11 giugno.
Questo significherebbe che il periodo elettorale si sposterebbe di un mese, l’intero mese di giugno calcolando che i ballottaggi si terranno il 25 dello stesso mese.
Ancora la notizia non è ufficiale però negli ambienti politici sembra ormai scontata. Nel decreto in cui è previsto lo svolgimento dei comizi ai giorni in cui si voterà non possono passare meno di 60 giorni. Quindi dopo il 7 marzo, non sarà più possibile votare il 7 maggio e le l domeniche 14, 21 e 28 dello stesso mese prevedono impedimenti legati al ‘G7’ che si svolgerà a Taormina proprio a maggio. L’intenzione è quella di evitare che si possa andare alle urne durante l’organizzazione del grande evento mondiale.
Rimangono, quindi, le giornate del 4 e 11 giugno ma la prima data risulta essere un ponte festivo, il 2 giugno, e di conseguenza si teme che questo determini l’aumento dell’astensionismo. 
Potrebbe aggiungersi un altro motivo a far slittare le elezioni, secondo quanto pubblicato sul Giornale di Sicilia stamane potrebbe esserci stato un errore in Gazzetta ufficiale nelle note legislative che accompagnano la riforma del sistema elettorale per le amministrative in Sicilia. Mentre la legge reintroduce chiaramente il trascinamento del voto, ovvero l’estensione al candidato sindaco di qualsiasi voto espresso per una delle liste ad esso collegate, nelle note esplicative questo passaggio sarebbe poco chiaro o addirittura messo in dubbio.
Si tratta chiaramente di un evidente errore perché ad avere valore è certo la norma e non le note che la accompagnano e nella legge il ‘trascinamento’ è chiaro. Di conseguenza i funzionari degli uffici competenti della Regione Siciliana per evitare errori di interpretazioni e contenziosi starebbero predisponendo una nota di correzione. Una precauzione opportuna anche se non necessaria e certamente non un motivo di rinvio delle elezioni. Restano, però, tutti gli altri temi e motivi per una possibile ufficializzazione dello slittamento delle elezioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook