Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANCORA VIOLENZA NEGLI OSPEDALI CATANESI

ANCORA VIOLENZA NEGLI OSPEDALI CATANESI

All’ospedale Cannizzaro di Catania, un'infermiera è stata aggredita a colpi di passeggino e una guardia giurata picchiata al nosocomio Garibaldi centro. Questi ultimi due casi si aggiungono ai già tanti successi negli ultimi mesi.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ANCORA VIOLENZA NEGLI OSPEDALI CATANESI –

La polizia di Stato ha arrestato il padre di una neonata ricoverata nell’ospedale Cannizzaro di Catania perché ha aggredito un’infermiera di servizio, che pretendeva di entrare con un passeggino nel reparto di ostetricia per portare via la figlia, il giorno delle dimissioni della puerpera. Questa una procedura che è assolutamente vietata dal regolamento del nosocomio.
L’aggressore, 27 anni, in passato denunciato per rapina, ha colpito l’infermiera con il passeggino procurandole una frattura a un polso e diverse escoriazioni, giudicate guaribili in 30 giorni.
Alcuni colleghi della donna presenti hanno fatto intervenire la polizia. L’infermiera è stata poi soccorsa dal personale dell’ospedale. L’uomo è stato bloccato da un agente di polizia in servizio nel pronto soccorso dell’ospedale e portato in Questura. Dopo le procedure di rito il fermato è stato dichiarato in arresto e trattenuto in camera di sicurezza in attesa del processo per direttissima che sarà celebrato domani.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook