Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

DAVIDE STIVAL DIVORZIA

DAVIDE STIVAL DIVORZIA

Il padre di Loris, il bimbo ucciso a Santa croce Camerina in provincia di Ragusa divorzia dalla moglie Veronica condannata per l’uccisione del figlioletto.

 

 

DAVIDE STIVAL DIVORZIA –

Davide Stival, dopo la condanna a 30 anni della moglie Veronica Panarello per aver ucciso il figlioletto Loris nel 2014, ha chiesto il divorzio. Lo ha raccontato alla trasmissione televisiva ‘Quarto Grado’.
Davide Stival il padre di Loris, il bambino di Santa Croce Camerina (Ragusa) ucciso nel 2014, ha chiesto il divorzio dalla moglie Veronica Panarello, condannata a 30 anni di carcere per l’omicidio del bimbo. Lo ha raccontato alla trasmissione televisiva ‘Quarto Grado’ nella puntata che andrà in onda stasera.
Stival ha detto: «Abbiamo inviato le pratiche da poco, quindi siamo in fase di divorzio. Poi ha aggiunto di non sapere quali reazioni ha avuto la moglie in carcere: «Non mi interessa. Deve essere fatto, punto e basta».
“E’ stato, dall’otto dicembre, quando c’è stato il fermo di Veronica, che ho cominciato a capire che lei c’entrava in qualche modo”, ha spiegato. “Sento solo la mancanza di Loris, non certo di Veronica».
Poi, Stival ha aggiunto di non aver mai creduto alla versione dell’incidente: «Non penso che un bambino di 8 anni faccia questi giochetti così pericolosi». Il papà di Loris ha anche affermato che il motivo per il quale non parla con suo padre non ha nulla a che fare con la tragica vicenda: «Non ci parliamo per motivi nostri, personali». E quando Veronica l’ha tirato in ballo ha pensato che fosse “l’ennesima versione, l’ennesima bugia. Non potevo immaginare altro, come infatti il giudice ha messo nero su bianco”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook