Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCOPERTA A ROSOLINI MACELLAZIONE CLANDESTINA

SCOPERTA A ROSOLINI MACELLAZIONE CLANDESTINA

I carabinieri dei Nas hanno sequestrato 5 tonnellate di carne. I prodotti equini erano pronti per essere immessi sul mercato con una bollatura sanitaria contraffatta.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

SCOPERTA A ROSOLINI MACELLAZIONE CLANDESTINA –

I carabinieri dei Nas di Catania e Ragusa, in collaborazione con il Noe di Catania hanno scoperto un traffico di macellazione clandestina equina nel comune di Rosolini, in provincia di Siracusa. Si tratta di Cinque tonnellate di carne equina, fresca e abusivamente congelata, pronta per essere immessa sul mercato, con una bollatura sanitaria contraffatta.
I militari dell’arma hanno sequestrato due aziende e alcune aree inquinate, una macelleria e la carne che era custodita. Il valore dell’immobile oltre un milione di euro. I proprietari delle aziende sono stati denunciati.
Durante i controlli all’interno di una macelleria i carabinieri hanno rinvenuto i timbri falsi utilizzati per simulare i “bolli sanitari”. Erano dunque la versione contraffatta dei sigilli che i veterinari delle Aziende Sanitarie usano all’interno dei mattatoi, per attestare la salubrità degli animali macellati e l’idoneità delle carni al consumo umano.
Gli investigatori sono risaliti al luogo di macellazione degli equini dopo aver individuato, nelle vicinanze, un’azienda agricola dove si trovava un mattatoio clandestino al cui interno i militari hanno sorpreso un uomo intento a macellare un equino di sospetta provenienza. Durante l’ispezione il personale ha accertato che gli ambienti e le attrezzature verificate si presentavano in pessime condizioni d’igiene, privi della necessaria autorizzazione e senza alcun controllo veterinario.
Inoltre, all’interno di un’azienda confinante è stato scoperto un allevamento abusivo, che ospitava 40 equini di origine sconosciuta e sottratti ai controlli dell’autorità sanitaria. I carabinieri del Noe hanno anche trovato tre distinte aree dove venivano depositate le deiezioni degli animali, classificato “rifiuto speciale”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook