Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

CROLLA PALAZZINA A CATANIA DOPO FORTE BOATO, UN MORTO

CROLLA PALAZZINA A CATANIA DOPO FORTE BOATO, UN MORTO

Tra le macerie anche una bimba. In via Archimede e via Crispi si è sentito un boato in piena notte. Tra le cause potrebbe trattarsi forse di una fuga di gas. La vittima del crollo è una donna anziana. Una piccola di 10 mesi è tra i quattro feriti, c'è anche un uomo ustionato che si trova in condizioni disperate. La procura di Catania apre una inchiesta per disastro colposo.

 

 

CROLLA PALAZZINA A CATANIA DOPO FORTE BOATO, UN MORTO –

La forte esplosione ha coinvolto anche due palazzine attigue che sono state subito evacuate. Il boato si è sentito nella notte, così violento che la gente della zona si è riversata per le strade convinti che vi fosse stato un terremoto. Chi ha assistito alla tragedia si è trovata davanti una scena come se vi fosse stato un bombardamento aereo. La deflagrazione ha demolito un palazzo di tre elevazioni in una zona centrale di Catania. La causa forse è da cercare probabilmente allo scoppio di una o più bombole di gas. Lo scoppio ha provocato una vittima e quattro feriti, due dei quali gravi. La piccola struttura è stata letteralmente sventrata, la facciata, solai, pavimenti e pareti non esistono più e si sono sbriciolati formando un cumulo altissimo di macerie. In servizio diverse quadre dei vigili del fuoco che scavano con le mani e man mano sono riusciti a estrarre una bimba di un anno con la sua mamma che sono state trasportate urgentemente al pronto soccorso dell’ospedale Garibaldi a Nesima.
Nelle due sedi dell’ospedale Garibaldi, Nesima e Centro, dopo la notizia del crollo della palazzina, il dipartimento di Emergenza dell’Azienda, diretto dal dottor Sergio Pintaudi, ha attivato immediatamente il protocollo per l’emergenza di massa.
La piccola, di un anno, si trova in ospedale in codice rosso e il personale sanitario è in apprensione per le sue condizioni. La bimba è ricoverata in coma farmacologico per la frattura cranica laterale sinistra e presenta anche due focolai contusivi emorragici per i quali non è necessario sottoporla a un intervento chirurgico, ma soltanto a controlli clinici. Giuseppe Ferlazzo, primario della Rianimazione pediatrica dell’ospedale Garibaldi Nesima ha spiegato: «Le lesioni contusive e le fratture sono stabili e a un primo controllo neurologico è stato evidenziato peraltro un movimento spontaneo dei quattro arti e presenza dei riflessi». Il papà della piccola è stato avvertito telefonicamente e appena arrivato in ospedale si è ferito colpendo per rabbia degli oggetti nel pronto soccorso. Lui è marocchino, la mamma della piccola è italiana.
Gli altri due feriti sarebbero in altri due ospedali, uno in codice rosso, è stato intubato. L’altro dei quattro feriti si è ustionato e sarebbe stato vicino al luogo dove sarebbe avvenuta l’esplosione della bombola. L’uomo è stato ricoverato all’ospedale Vittorio Emanuele di Catania e poi trasferito, con un elicottero del 118, all’ospedale Civico di Palermo. Secondo alcuni vicini, dalla sua abitazione, al primo piano, provenivano dei rumori tipici di lavori domestici e c’era odore di gas.
Il Comune di Catania ha inviato sul posto propri operai e dirigenti tecnici e spiegano che nel palazzo non vi è fornitura di gas metano e che l’esplosione potrebbe essere stata causata dalla deflagrazione di bombole di gas.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook