Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA CATANESE, SEQUESTRO 3.5 MILIONI DI EURO

MAFIA CATANESE, SEQUESTRO 3.5 MILIONI DI EURO

Ancora un sequestro al patrimonio della mafia catanese, maxi sequestro di beni che ammontano a 3.5 milioni di euro.

 

 

MAFIA CATANESE, SEQUESTRO 3.5 MILIONI DI EURO –

Su disposizione della sezione misure di prevenzione del tribunale di Catania Beni la polizia ha eseguito un provvedimento di sequestro di beni immobili e rapporti bancari per una cifra di tre milioni e mezzo di euro.  I beni sono riconducibili a personaggi che gravitano nell’orbita di una nota cosca criminale catanese. La sezione anticrimine della Questura e gli agenti della Squadra mobile hanno condotto le indagini.
Lo scorso mese, un’altra indagine della Divisione Anticrimine della polizia e della Squadra Mobile aveva consentito il sequestro dello storico Etna Bar di San Giovanni Galermo quartiere di Catania. Il locale era gestito da Cosimo Tudisco, 38 anni, ritenuto affiliato al clan Cappello-Bonaccorsi. A lui sono stati sequestrati beni immobili, mobili registrati, società ed imprese, conti e depositi bancari e postali.
Inoltre, ai fini della confisca, è stata sequestrata anche la società ‘World game’ contemporaneamente alla rivendita di tabacchi con sede in via Galermo. La società comprende una pizzeria, un bar e una ludoteca, pubblicizzata dall’insegna Etna Bar e il 50% delle quote del capitale sociale della s.r.l. “World of cars group” con sede a Catania. Sempre intestati a Tudisco sono stati sequestrati diversi rapporti bancari e postali, così come ai suoi familiari e ai conviventi. Per ricostruire il patrimonio sequestrato il Questore Marcello Cardona ha coordinato un gruppo di investigatori della Squadra Mobile e della Divisione Anticrimine della polizia di Stato che hanno lavorato.
Il provvedimento del Tribunale di Catania è stato emesso nei confronti di Gaetano Nobile, 31 anni, indicato come personaggio “orbitante nell’area di influenza della cosca Cappello”. Inoltre l’atto interviene anche su beni di altre persone: familiari e prestanomi, ritenute a lui riconducibili.
Secondo la ricostruzione eseguita dagli investigatori della Questura, le indagini hanno accertato ripetuti passaggi di acquisti e cessioni delle proprietà di imprese e licenze per impedire, ritiene l’accusa, di risalire a Nobile. L’uomo, già stato sottoposto ad ‘avviso orale’. In merito il questore Cardona ha proposto la misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza. Nobile, sottolineano gli investigatori, “è imparentato con esponenti di spicco del clan mafioso Cappello (gli zii, Sebastiano e Aurelio Balbo) e, sebbene relativamente giovane, si è distinto in numerosi e gravi episodi delittuosi, per i quali ha subìto condanne definitive, tra l’altro, per furto aggravato, rapina aggravata, sequestro di persona, evasione e spaccio di sostanze stupefacenti”.
Tra i beni a cui sono stati posti i sigilli anche due esercizi: il bar ‘Castello 2’ e il ‘Caffè Diaz’, entrambi in via Armando Diaz. Disposto anche il sequestro di quattro autovetture (una Porsche Macan S, due Mercedes, una Gla 220 e una B-200 Cci, e una Smart City-Coupé), un autocarro Mercedes e un motociclo Piaggio Vespa 125. Sequestrati anche conti correnti e rapporti bancari per complessivi 65mila euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook