Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

LUPARA BIANCA, UCCISO E DATO IN PASTO AI MAIALI

LUPARA BIANCA, UCCISO E DATO IN PASTO AI MAIALI

Trovati i presunti autori dell’omicidio del tabaccaio Giuseppe Bruno di Villarosa comune in provincia di Enna. Dopo tredici anni fatta luce sul delitto di lupara bianca.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

LUPARA BIANCA, UCCISO E DATO IN PASTO AI MAIALI, 4 ARRESTI A VILLAROSA –

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale e della Squadra Mobile di Enna hanno effettuato una operazione antimafia a Villarosa comune nell’ennese.
Le forze dell’ordine congiuntamente hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Caltanissetta su richiesta della Dda nissena, a carico di 4 persone ritenute responsabili di omicidio e distruzione di cadavere aggravati dalla modalità mafiosa e di associazione di tipo mafioso.
In passato il clan dei Nicosia era stato già al centro di vicende legate al traffico di stupefacenti. Inoltre il gruppo mafioso aveva agevolato la latitanza del boss di Gela Daniele Emmanuello, ucciso dalla polizia il 3 dicembre del 2007 mentre tentava di fuggire da una casa di campagna, tra Villarosa e Villapriolo, dove si era nascosto.
Le indagini condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta erano iniziate nel 2015 e hanno anche consentito di fare luce sulla scomparsa del proprietario della rivendita di tabacchi Giuseppe Bruno, avvenuta a Villarosa il 27 maggio del 2004 dopodichè erano state perse le tracce. La sua auto era stata trovata parcheggiata vicino allo svincolo di Mulinello sull’autostrada A 19. Le recenti dichiarazioni rese alla Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta da un collaboratore di giustizia, diretto testimone dell’omicidio, hanno permesso di ricostruire la vicenda. Le verifiche avrebbero accertato che il tabaccaio sarebbe stato ucciso con il metodo mafioso della lupara bianca.
La vittima si era recata a riscuotere un credito, ma è stato ucciso barbaramente. Il suo corpo fu sezionato con una motosega e dato in pasto in parte ai maiali in parte bruciato all’interno di alcuni fusti metallici.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook