Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

PADRE UCCIDE FIGLIO QUARANTENNE

PADRE UCCIDE FIGLIO QUARANTENNE

L’omicidio è accaduto questo pomeriggio nel comune di Alimena sulle Madonie in provincia di Palermo, durante una furiosa lite tra padre e figlio. Il litigio sarebbe stato alimentato da motivi di natura economica.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PADRE UCCIDE FIGLIO QUARANTENNE –

A uccidere il padre Antonino Alù, 61 anni ha strangolato il figlio Giuseppe 41 anni, usando una corda dopo l’ennesima furiosa lite.
L’omicidio è accaduto questo pomeriggio nel comune di Alimena sulle Madonie in provincia di Palermo, durante una furiosa lite tra padre e figlio. Il litigio sarebbe stato alimentato da motivi di natura economica.
Giuseppe Alù, la vittima, si trovava agli arresti domiciliari nella casa di famiglia perché coinvolto in un’indagine sullo spaccio di droga nelle Madonie. Oggi, al culmine dell’ennesima lite, il padre Antonio avrebbe preso una corda e l’avrebbe stretta al collo del figlio soffocandolo.
I Carabinieri del gruppo di Monreale coordinato dalla Procura di Termini Imerese conduce le indagini per stabilire l’esatta dinamica dell’omicidio.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook