Archiviato in | Spettacolo

I BALLERINI DEL TEATRO DI ODESSA AL BELLINI – VIDEO – INTERVISTE

I BALLERINI DEL TEATRO DI ODESSA AL BELLINI – VIDEO – INTERVISTE

Oltre trenta ballerini sul palcoscenico, tutti professionisti di valore e di grande reputazione, custodi della preziosa eredità del balletto classico russo. Uno strepitoso direttore d’orchestra, chiamato all’ultima ora per sostituire quello già ingaggiato.

 

 

I BALLERINI DEL TEATRO DI ODESSA AL BELLINI –

Il palcoscenico catanese, ‘ça va sans dire’, è stato quello del Teatro Massimo Bellini. Ieri sera la prima de Lo Schiaccianoci di Piotr Ilic Ciaikovski. Ad esibirsi il Corpo di Ballo e i Solisti dell’Opera Nazionale di Odessa.
Odessa, città dell’Ucraina meridionale rifondata da Caterina di Russia, è una sorta di Pietroburgo del Sud, sulle sponde del Mar Nero. Al civico n. 1 di via Ciaikovski varcano l’ingresso gli artisti che si esibiscono al Teatro Nazionale dell’Opera, il più famoso edificio della città, con una facciata che somiglia al teatro di Vienna, e con un palcoscenico – tempio del balletto– che è stato calcato da Anna Pavlova e da altre grandi dive delle due punte, famose per le loro interpretazioni di opere di compositori russi.
I ballerini dell’Opera Nazionale di Odessa sono appena arrivati in Italia e nel nostro Paese rimarranno sino a oltre la metà di marzo proponendo al pubblico quattro titoli di grande richiamo. Un tir lungo 18 metri gira con loro la Penisola trasportando scene e costumi. La prima tappa della loro tournee internazionale è stata Catania, dove hanno portato “Lo Schiaccianoci”.

 


Oltre trenta ballerini sul palcoscenico, tutti professionisti di valore e di grande reputazione, custodi della preziosa eredità del balletto classico russo. Uno strepitoso direttore d’orchestra, chiamato all’ultima ora per sostituire quello già ingaggiato. Scene suggestive e, sebbene non molto numerose, di dimensioni tali che sembravano cucite per il teatro catanese. Bravura indubbia dell’orchestra.
C’era tutto, dunque, per avere un bello spettacolo: eppure, qualcosa non è andato per il verso giusto. L’impressione di lentezza è stata palpabile. Qualche spettatore incontentabile ha mugugnato. Speriamo che nelle repliche si corregga il tiro. Occorre spingere i tempi, trovando un accordo tra il direttore d’orchestra e il coreografo che – evidentemente – hanno due modi diversi di intendere quale sia la versione più fedele a quella voluta da Ciaikovski. Pubblico non particolarmente numeroso, forse a causa di una concomitante partita di calcio, ma elegante, come sempre accade nelle sere della “prima”. Ieri, la palma della vittoria è andata alla fascinosa bimbetta che indossava un tenebroso abito nero.

Francesca Lo Faro

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook