Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

SCOPERTA TRUFFA, POMODORINI ALBANESI VENDUTI PER SICILIANI

SCOPERTA TRUFFA, POMODORINI ALBANESI VENDUTI PER SICILIANI

Denunciato il titolare di una società di Vittoria: avrebbe acquistato 200 quintali di ortaggi all'estero mescolandoli con quelli locali.

 

 

SCOPERTA TRUFFA, POMODORINI ALBANESI VENDUTI PER SICILIANI –

La Procura della Repubblica di Ragusa ha delegato i finanzieri del locale Comando Provinciale, per procedere alla denuncia del rappresentante legale di una società operante nel mercato ortofrutticolo di Vittoria per frode in commercio di prodotti agroalimentari i quali recavano false indicazioni di provenienza. La merce immessa sul mercato sono pomodorini albanesi venduti come “made in Sicily”.
Ggli accertamenti hanno evidenziato che l’azienda aveva acquistato circa 200 quintali di pomodori, varietà “tondo liscio a grappolo”, dall’Albania; una volta entrati in Italia dal porto di Bari, tramite una società di Polignano a Mare, è stato fatto figurare, ma solo a livello cartolare, che una parte dei predetti pomodori era destinato al mercato ortofrutticolo di Padova, ma di fatto è stato accertato che tutto il quantitativo è stato indirizzato su Vittoria. Il pomodoro albanese una volta giunto nella sede della società è stato miscelato con quello locale, consentendo così di poter essere destinato alla vendita una maggiore quantità di prodotto, solo all’apparenza tutto di alta qualità e “made in Sicily”, in un periodo dell’anno in cui tale ortaggio registrava un valore di mercato elevato. Pare che l’operazione abbia permesso di ottenere un illecito provento di circa 20.000 euro.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook