Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

RAPINA IN VILLA, UN ARRESTO

RAPINA IN VILLA, UN ARRESTO

Rapina in villa a San Giovanni La Punta in provincia di Catania. La chiamata dei vicini ha permesso di arrestare uno dei due malviventi. I proprietari colti nel sonno avevano con loro il figlioletto di 17 mesi. La refurtiva è stata recuperata.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RAPINA IN VILLA, UN ARRESTO –

Rapina in villa a San Giovanni La Punta comune dell’hinterland catanese. I Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un ventenne catanese accusato di aver commesso una rapina in casa. Il fatto è accaduto la scorsa notte. Un vicino di casa, sentendo delle urla che provenivano dalla villa accanto ha subito avvertito il 112. I militari sono giunti sul posto prendendo le misure necessarie controllando la proprietà riuscendo a catturare un malvivente.
Il fermato, con l’aiuto di un complice, che si è dileguato, era penetrato all’interno della villa e incurante della presenza dei proprietari hanno proceduto ad effettuare il colpo. Le vittime: una giovane coppia è stata colta nel sonno insieme, accanto a loro il figlioletto di appena 17 mesi. Sono stati minacciati verbalmente e costretti a consegnare diversi oggetti preziosi per un valore di circa 20mila euro. La refurtiva è stata interamente recuperata e restituita ai legittimi proprietari. L’arrestato, è stato portato in caserma per espletare le formalità di rito, successivamente è stato tradotto nel carcere di Piazza Lanza Catania a Catania. Continuano le indagini per identificare il complice e assicurarlo alla giustizia.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook