Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

COMPRAVANO DROGA DA SANTO DOMINGO PER IL CLAN NIZZA

COMPRAVANO DROGA DA SANTO DOMINGO PER IL CLAN NIZZA

Operazione della Guardia di Finanza denominata “Compadre”. Decapitato gruppo malavitoso che acquistava droga all'estero per poi rivenderla nelle piazze di spaccio gestite dalla cosca etnea. Gli agenti della guardia di finanza hanno effettuato 4 arresti e sequestrato due immobili.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

COMPRAVANO DROGA DA SANTO DOMINGO PER IL CLAN NIZZA –

I militari della Guardia di Finanza hanno decapitato un gruppo di malavitosi italo-dominicani che trafficavano cocaina eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip etneo. Gli arresti sono stati individuati attraverso una inchiesta della Procura Distrettuale di Catania. La banda comprava cocaina a Santo Domingo anche per il clan Nizza che gestivano ‘piazze di spaccio’ a Catania.
Sono quattro le persone arrestate: Giuseppe Galati, 33 anni; Patria Batista Melendez detta “Erika” di 41; Francesco Di Prima detto “Frasciame” 48 anni e Stefano Borgese di 51. Per altri due indagati, Massimiliano La Piana di 31 anni e Renato Dario Gravagna di 42, è stato disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
I finanzieri nell’ambito dello stesso provvedimento, hanno eseguito il sequestro preventivo di un immobile sito a Catania del valore di 128 mila euro e di un panificio nel rione Librino perché sarebbero stati acquistati con i profitti del traffico di stupefacenti.
Le indagini erano partite dopo l’arresto di Giuseppe Galati, avvenuto nell’ottobre del 2014 all’aeroporto Fontanarossa per la detenzione e l’avvenuta importazione dalla Repubblica Dominicana di 800 grammi di cocaina purissima. Lo stesso è ritenuto promotore e organizzatore del gruppo. L’associazione malavitosa, secondo l’accusa, avrebbe continuato il traffico con l’opera della moglie del Galati, Patria Batista Melendez. Per la Procura di Catania la donna tesseva le “relazioni commerciali” con i fornitori dominicani, uno dei quali veniva chiamato “Compadre”, che ha dato il nome all’operazione.
Inoltre, la banda si avvaleva di propri corrieri: Francesco Di Prima, che avrebbe partecipato, tra l’altro, anche all’importazione di cocaina che ha portato all’arresto di Galati, e Stefano Borghese preso in flagranza di reato all’aeroporto di Palermo nel novembre 2015 per il possesso di 825 grammi di cocaina purissima proveniente da Santo Domingo.
Dalle indagini sarebbe emersa la costituzione di un’associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti in grado di operare nonostante le prime attività di sequestro operate dai Finanzieri della Tenenza di Fontanarossa e del Nucleo di Polizia Tributaria 2 di Catania. Dagli accertamenti degli investigatori è anche emerso che alcuni viaggi del Galati e del Di Prima verso Santo Domingo per l’acquisto di cocaina sarebbero stati effettuati per conto del clan mafioso dei Nizza che poi spacciava a Catania.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook