SANT’AGATA RIENTRA CATTEDRALE

SANT’AGATA RIENTRA CATTEDRALE

Sant’Agata è sulla via del rientro. Il fercolo con il busto reliquiario è arrivato piazza Duomo e riabbraccerà i devoti con l’appuntamento al prossimo anno. Ultime ore di festeggiamenti prima di ritornare in cattedrale alle 7.30 del mattino, il Fercolo era ancora in via Etnea all’altezza della Rinascente. Poi, il lento percorso per rientrare in cattedrale. Cinque ore di lavori frenetici per scongiurare il pericolo in piazza Cavour, processione rallentata. Alle 9.30 la tradizionale e pericolosa salita di Sangiuliano.

 

 

SANT’AGATA RIENTRA CATTEDRALE –

Sant’Agata è sulla via del rientro. I devoti sfidano il freddo del mattino e restano vicini a Sant’Agata ancora in processione. Ieri dopo il Pontificale in cattedrale, un fiume dei devoti ha percorso insieme alla Santuzza il centro storico per il giro interno. Il busto reliquario della Santa Patrona di Catania ha sfilato in processione attraverso via Etnea e via Caronda fino in piazza Cavour dove, in nottata, è stato rappresentato il tanto atteso spettacolo pirotecnico. Prima vi sono stati momenti di allarme per una fuga di gas da un tombino. Una situazione potenzialmente pericolosa proprio per la presenza delle preparazioni con polvere da sparo.
I tecnici dell’Asec e vigili del fuoco sono intervenuti prontamente, lavorando freneticamente per più di 5 ore, avvalendosi anche un escavatore per riparare il guasto. Il presidente del Comitato organizzatore della festa, Francesco Marano ha spiegato che: “Alla fine non c’è stato alcun pericolo per le persone, ma era necessario rendere la zona sicura”. Sicuramente questo inconveniente ha ulteriormente rallentato la processione.
Dopo i fuochi la discesa per via Etnea e poi tutti pronti per la storica salita di Sangiuliano che è iniziata poco dopo le ore 9.30. Successivamente, imboccata la via dei Crociferi, il canto delle monache benedettine di clausura in via Crociferi che ha salutato Sant’Agata e infine il ritorno in cattedrale. Piazza Duomo è invasa dai devoti, dai cittadini e da tanti turisti.
Il sindaco di Catania, Enzo Bianco soddisfatto della buona riuscita della festa ha ribadito: “Ieri abbiamo trascorso una giornata splendida, primaverile, serena, vissuta con gioia da una Catania che ha dato di sé ai tantissimi turisti, nonostante il considerevole affollamento del centro, un’immagine di grande ordine. Ciò è stato dovuto anche al fatto che i catanesi hanno scoperto la metropolitana, e, lasciata a casa l’auto, hanno fatto registrare in questi giorni un autentico record di passeggeri, quasi cinquantamila soltanto nei giorni 3 e 4. Un piccolo miracolo di Sant’Agata nella città europea con il più alto tasso di automobili”.
In Cattedrale i devoti, così come in piazza Duomo, hanno aspettato il rientro di Sant’Agata, mentre in città fa freddo, il sole ha fatto capolino e tra una nuvola e l’altra è scesa qualche goccia di pioggia. Come sempre l’appuntamento per riabbracciare la Santa Patrona è fissato il 17 agosto che ricorda il ritorno a Catania delle sue spoglie, dopo che queste, furono trafugate e portate a Costantinopoli dal generale bizantino Giorgio Maniace quale bottino di guerra e dove rimasero per 86 anni. Mentre dal 3 al 6 febbraio si ricorda la data del martirio della Santa catanese.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook