CONTINUANO I FESTEGGIAMENTI A SANT’AGATA, IL GIRO INTERNO

CONTINUANO I FESTEGGIAMENTI A SANT’AGATA, IL GIRO INTERNO

La festa di Sant’Agata prosegue con il terzo giorno che prevede il passaggio del busto reliquario nel centro storico per il cosiddetto giro interno. Ieri quello esterno, il messaggio dell’arcivescovo Gristina alla città.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

CONTINUANO I FESTEGGIAMENTI A SANT’AGATA, IL GIRO INTERNO –

Continuano i festeggiamenti Agatini a Catania, oggi è il terzo giorno e la processione si prepara ad affrontare il giro interno. In mattinata il Pontificale in cattedrale, poi i fedeli si riverseranno nelle strade del centro storico, con l’attesissima salita di Sangiuliano e prima del ritorno in cattedrale, la storica cantata delle monache benedettine di clausura in via dei Crociferi.
Ieri è iniziata la vera e propria festa con la messa dell’Aurora, poi il lunghissimo giro esterno lungo le antiche mura della città e il contatto con tutti i devoti nei vari quartieri della città.
Alla fine della Santa messa, il fercolo si è ‘affacciato’ sulla Piazza Duomo per l’inizio del “giro esterno”. La processione è arrivata in Piazza Carlo Alberto, con la tradizionale sosta davanti al santuario della Santissima Annunziata al Carmine per l’omaggio alla Santa dei Padri Carmelitani e poi è arrivata in piazza Stesicoro. Lì proprio all’angolo con via Etnea  larcivescovo di Catania, Salvatore Gristina,  ha letto il discorso alla città, quindi, quando erano le 20 circa, i devoti hanno tirato il fercolo affrontando la salita dei cappuccini.
Poi in serata, partendo da via Plebiscito la processione si è snodata per le vie Vittorio Emanuele, Aurora e via Palermo, con le tappe caratteristiche delle zone popolari della città, fino a tarda notte.
Quando è arrivata in piazza Palestro, non è mancato l’appuntamento notturno con i fuochi d’artificio del “Fortino”. Successivamente, la processione della Santa ha proseguito per via Garibaldi, nuovamente via Plebiscito, via Cristoforo Colombo con il caratteristico passaggio sotto gli archi della marina, via Dusmet, davanti alla cappella del Santissimo Salvatore, dove vi è stato l’omaggio della capitaneria e dell’autorità portuale con lo svelamento di una grande opera pittorica di quasi otto metri per cinque, realizzata dall’artista Alfredo Guglielmino ed esposta nella zona degli archi della marina. Dopo la corsa conclusiva da Porta Uzeda fino in Cattedrale.
Il sindaco di Catania Enzo Bianco per la dodicesima volta ha preso parte all’apertura delle celebrazioni religiose Agatine in cattedrale ha detto: “Il momento più emozionante della Festa di Sant’Agata rimane per me quello in cui do la prima mandata per l’apertura del Sacello della patrona”, poi ha aggiunto: “Una grande emozione ho provato ancora una volta anche assistendo alla Messa dell’Aurora: rappresenta il momento spirituale più alto dell’intera festa, quello in cui ci si raccoglie profondamente in preghiera”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook