Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

ANCORA MIGRANTI A MINEO ED ESPLODE LA RABBIA

ANCORA MIGRANTI A MINEO ED ESPLODE LA RABBIA

Il sindaco di Mineo si lamenta per il continuo arrivo e conseguente posizionamento di migranti nella cittadina e spiega: "Abbiamo sempre fatto la nostra parte e dimostrato tanta sensibilità. In cambio, purtroppo, ne è venuta fuori un'immagine devastante per Mineo e che peraltro ha prodotto molte indagini di varie Procure".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

ANCORA MIGRANTI A MINEO ED ESPLODE LA RABBIA –

Anna Aloisi, sindaco di Mineo comune in provincia di Catania che ospita il Cara più grande d’Europa è arrabbiata, dopo l’arrivo di altri migranti lancia l’allarme: “Non trasferite più migranti nel mio paese. Abbiamo già dato e adesso il nostro grado di sopportazione è stato superato abbondantemente”. Poi interviene spiegando: “Siamo stanchi di dover subire le decisioni del sistema centrale e regionale: il Cara ne ospita intorno a 4.000, in paese e nel territorio già operano altri 3 centri Sprar gestiti da cooperative sociali e ancora si continua a trasferire altre persone. Siamo seduti su una vera bomba e a questo punto ci rimane solo che noi andiamo tutti via per lasciare il posto a loro che per numero sono quasi quanti i residenti”. In conclusione il sindaco puntualizza: “Abbiamo sempre fatto la nostra parte e dimostrato tanta sensibilità. In cambio, purtroppo, ne è venuta fuori un’immagine devastante per Mineo e che peraltro ha prodotto molte indagini di varie Procure”.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook