PALERMO CAPITALE DELLA CULTURA 2018

PALERMO CAPITALE DELLA CULTURA 2018

Palermo ha scavalcato la concorrenza di altri nove Comuni. Come attestato riceverà un milione di euro e l’esclusione dal patto di stabilità. Orlando: " Questo riconoscimento conferma lo straordinario momento di rinascita della nostra città".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

PALERMO CAPITALE DELLA CULTURA 2018 –

Palermo scelta a rappresentare la cultura e per il 2018 sarà capitale italiana. In lista per la finale partecipavano: Alghero, Aquileia, Comacchio, Ercolano, Montebelluna, Recanati, Settimo torinese, Trento e l’Unione comuni elimo-ericini. Il capoluogo siciliano è stato designato dalla Giuria presieduta da Stefano Baia Curioni: quindi, il ministro di Beni culturali e turismo, Dario Franceschini ha annunciato ufficialmente la vincita della competizione. Per l’occasione, la città di Palermo riceverà un milione di euro e l’esclusione dal patto di stabilità delle spese per gli investimenti necessari per realizzare i progetti.
La giuria così si è espressa: “La candidatura è sostenuta da un progetto originale, di elevato valore culturale, di grande respiro umanitario, fortemente e generosamente orientato all’inclusione, alla formazione permanente, alla creazione di capacità e di cittadinanza, senza trascurare la valorizzazione del patrimonio e delle produzioni artistiche contemporanee”.  Continua ancora la nota: “Il progetto è supportato dai principali attori istituzionali e culturali del territorio e prefigura anche interventi infrastrutturali in grado di lasciare un segno duraturo e positivo. Gli elementi di governance, di sinergia pubblico-privato e di contesto economico, poi, contribuiscono a rafforzare la sostenibilità e la credibilità”.
Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando ha commentato: “Abbiamo vinto tutti, perché siamo stati capaci ognuno per il proprio impegno a narrare le bellezze dei nostri territori. La cifra culturale più significativa e che rivendichiamo è la cultura dell’accoglienza. Noi rivendichiamo il diritto di ogni essere umano di essere e restare diverso, ma di essere e restare uguale”. Per festeggiare l’evento, il sindaco Orlando e il sovrintendente Giambrone hanno deciso di illuminare la facciata del Teatro Massimo con i colori della bandiera nazionale.
Sempre il primo cittadino soddisfatto ed emozionato ha affermato: “Questo riconoscimento conferma lo straordinario momento di rinascita della nostra città e il suo essere divenuta capitale del dialogo e dell’arricchimento tra le culture, che è la base di una cultura che guarda al futuro. Dopo il riconoscimento di Capitale italiana dei Giovani e dopo l’attribuzione a Palermo di ‘Manifesta’, la biennale di arte contemporanea che la nostra città ospiterà l’anno prossimo, arriva quindi un nuovo importante strumento per confermare il rinnovato ruolo di Palermo nello scenario nazionale e internazionale”.
E’ intervenuto nel merito anche il presidente della Regione siciliana, Rosario Crocetta che ha dichiarato: “E’ una bella soddisfazione per la città di Palermo. E’ una scelta che farà incrementare il turismo a Palermo e in Sicilia. Noi daremo il nostro contributo per trasformare questa nomina in qualcosa di veramente importante”,
Anche l’assessore al Turismo, Sport e Spettacolo, Anthony Barbagallo ha evidenziato: “Una notizia che ha sapore di riscatto, che ci inorgoglisce e ci carica di grande responsabilità. Sono sicuro che il turismo, nei prossimi due anni, avrà un incremento storico, sulla scia del positivo trend fatto registrare quest’anno, e bisognerà impegnarsi per non deludere le aspettative di chi sceglie Palermo e tutta la Sicilia spinto non soltanto dalla curiosità di godere della storia del nostro immenso e suggestivo patrimonio artistico e culturale ma anche di una variegata offerta turistica, dal punto di vista climatico, enogastronomico e paesaggistico, che questa città e tutta la nostra isola sono in grado di garantire”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook