Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

OPERATA AL GINOCCHIO SBAGLIATO A CATANIA

OPERATA AL GINOCCHIO SBAGLIATO A CATANIA

La donna è entrata in sala operatoria per un intervento chirurgico al legamento crociato del ginocchio destro, ma è stata invece operata al ginocchio sinistro, subendo un prelievo del tendine di cinque centimetri. Chiesta citazione dell'ospedale come responsabile civile. I medici del Garibaldi chiamati a processo respingono le accuse: "Dopo l'anestesia ci siamo resi conto che era meglio procedere con l'altro arto".

Print Friendly, PDF & Email

 

 

OPERATA AL GINOCCHIO SBAGLIATO A CATANIA –

L’azienda Garibaldi di Catania sarà citata come responsabile civile in merito alla vicenda avvenuta il 20 novembre del 2013. Proprio in ospedale una donna è entrata in sala operatoria per un intervento chirurgico al legamento crociato del ginocchio destro, ma è stata invece operata al ginocchio sinistro, subendo un prelievo del tendine di cinque centimetri.
L’intervento all’arto sbagliato è stato eseguito da due medici dell’ospedale Garibaldi Nesima, Domenico Borrello e Pietro Barbaro, che sono accusati di lesioni aggravate. Secondo il Pm Alfio Gabriele Fragalà avrebbero agito con “imperizia e negligenza” cagionando un danno permanente alla parte offesa.
Il presidente della seconda sezionale del Tribunale di Catania ha accolto l’istanza della parte offesa. Ha inoltre ammesso come parti civili la donna e le associazioni ‘Codacons’, ‘Codici e Prolegis’ rigettando una richiesta di esclusione per un presunto vizio di forma presentata dai legali dei due medici imputati.
I due medici hanno respinto le contestazioni, sostenendo di avere eseguito l’intervento al ginocchio sinistro, anziché a quello destro, perché dopo l’anestesia si sarebbero resi conto al tatto che era più urgente operare quell’arto e hanno proceduto all’asportazione del tendine. Il processo è stato aggiornato al prossimo 8 febbraio.
L’avvocato Dario Pastore, legale della paziente ha sottolineato di: “avere registrato con profondo rammarico la mancata costituzione come parte civile nel processo dell’Ordine dei medici di Catania e dell’Azienda Garibaldi, visto che se le condotte contestate dovessero essere provate sarebbero certamente lesive dell’intera categoria e dell’ospedale”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook