CELEBRAZIONI AGATINE, TUTTO PRONTO PER LA FESTA

CELEBRAZIONI AGATINE, TUTTO PRONTO PER LA FESTA

Sicurezza e polemiche televisive sono state al centro della conferenza stampa che si è tenuta in cattedrale. Così la Basilica è pronta per celebrare la Festa alla Patrona e accogliere i devoti che la mattina del 4 febbraio si recheranno in chiesa e troveranno le forze dell’ordine con i metal detector alle entrate.

 

 

CELEBRAZIONI AGATINE, TUTTO PRONTO PER LA FESTA –

Sarà una festa a Sant’Agata super blindata e caratterizzata dalla sicurezza. La mattina del quattro la polizia sarà all’ingresso della basilica cattedrale con i metal detector che controlleranno i fedeli. Così si ripete la sequenza con i protocolli dello scorso anno, apparato messo su per scongiurare possibili attacchi terroristici. Monsignor Barbaro Scionti, vicario episcopale per la Festa, questa mattina in cattedrale ha illustrato alla stampa gli ultimi dettagli in vista dei tre giorni di festeggiamenti dedicati alla martire catanese: “L’appello affinché le indicazioni sulla sicurezza siano accolte”, e poi ha aggiunto un elogio ai servizi di sicurezza organizzati per l’occasione: “Ringraziamo le forze dell’ordine per il lavoro minuzioso che hanno pianificato”. L’auspicio che: “l’incontro con la santa sia pregno di amore, devozione, sacralità”, così come chiede la chiesa alla città, che i festeggiamenti siano nel segno del Vangelo.
L’invito di monsignor Gaetano Zito, vicario episcopale per la Cultura afferma che: “Sono stati fatti dei passi importanti per dare sempre più tono religioso ed ecclesiale alla Festa. Ciò non significa eliminare i tratti più popolari dell’evento, anch’essi importanti, ma restituire il valore di festa cristiana alla ricorrenza”. Mons. Zito inoltre spiega: “La nostra religiosità popolare ha una dimensione di carattere antropologico che esprime la relazione comunitaria con la santa. Questa tradizione ha bisogno di essere rispettata”.
Quest’anno l’attesa dei festeggiamenti agatini è segnata da una competizione tra emittenti sulla presunta esclusiva a poter accedere alle postazioni per effettuare la diretta delle celebrazioni in Cattedrale. E mentre tra Telecolor e UltimaTv è guerra editoriale, I vertici per la sicurezza ritengono che prenda posizione una sola emittente nei posti dedicati alle telecamere, esclusivamente per motivi di sicurezza. Una posizione comunicata con una nota letta integralmente in conferenza: “All’interno della Cattedrale devono essere garantite adeguate e straordinarie misure di sicurezza – rispondendo direttamente agli organi del gruppo Ciancio che hanno messo in dubbio la versione ecclesiale – Cosa diversa è l’ordine pubblico che deve essere garantito da altre autorità civili. Il dovere di garantire la sicurezza spetta al Procuratore della Cattedrale (comunemente detto Delegato Arcivescovile) che ne risponde dal punto di vista giuridico. La responsabilità tecnica di garantire le condizioni di sicurezza e indicare gli interventi e gli accorgimenti da attuare grava su una figura peculiare che è il “Responsabile della Sicurezza” e sui suoi collaboratori, chiamati ufficialmente e secondo la legge a svolgere questo compito”. E poi la puntualizzazione che recita: “Sono questi i cosiddetti ‘enti preposti’ e non altri che, interpellati, hanno risposto giustamente di non saperne niente o cose del genere, poiché non è un aspetto che compete loro”. Comunque a parte le polemiche tra poco si entrerà nel vivo della festa e ai fedeli poco importano le polemiche. E’ tempo che si pensi a pregare la Santa e vivere i momenti nel segno del Vangelo.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook