Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

MAFIA, QUATTRO ARRESTI DELLA MOBILE A PALERMO

MAFIA, QUATTRO ARRESTI DELLA MOBILE A PALERMO

Maxi blitz della Polizia di Stato. Gli agenti della Squadra Mobile di Palermo coordinati dalla Dda della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

MAFIA, QUATTRO ARRESTI DELLA MOBILE A PALERMO –

Maxi blitz della Polizia di Stato. Gli agenti della Squadra Mobile di Palermo coordinati dalla Dda della Procura della Repubblica del capoluogo siciliano hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare. Le indagini sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Palermo diretta dal Procuratore della Repubblica Francesco Lo Voi, dal Procuratore Aggiunto dr. Leonardo Agueci e dai Sostituti della Direzione Distrettuale Antimafia Francesca Mazzocco, Caterina Malagoli e Ferdinando Lo Cascio.
L’operazione di questa mattina condotta dagli agenti della Sezione Criminalità Organizzata ha permesso di  arrestare Vincenzo Cancemi, emissario della famiglia mafiosa “Pagliarelli”, al quale è stato contestato il reato di estorsione per aver imposto agli appartenenti l’associazione per delinquere il pagamento del “pizzo”. Il gip Filippo Serio ha riconosciuto il pieno inserimento di Cancemi in “Cosa Nostra”. Sono stati poi arrestate tre persone che si trovavano ai domiciliari dalla precedente operazione: Ciro Lucà, Pietro Mariano e Gioacchino Lo Buono.
L’operazione è scaturita dalle indagini riconducibili a un’altra inchiesta che, nel dicembre scorso, portò all’arresto di 25 persone, ritenute responsabili a diverso titolo di associazione per delinquere finalizzata alle estorsioni. Furti di veicoli perpetrati secondo il cosiddetto sistema del “cavallo di ritorno”, nonché di rapina, furto e ricettazione di veicoli.
Gli investigatori in pochi mesi avevano ricostruito struttura e ruoli dei componenti dell’organizzazione. Il gruppo malavitoso suddiviso dai promotori prevedeva una stretta gerarchia che corrispondeva a una rigida suddivisione dei ruoli, in modo che a ogni partecipante spettassero precise competenze.
Vi erano soggetti che rubavano i veicoli, complici che fornivano luoghi sicuri dove custodire i mezzi fintanto che si concludesse la “trattativa” con le vittime e, infine, intermediari che avevano il compito di contattarle. È stato accertato come l’organizzazione fosse in grado, nel corso di un mese di rubare 100 veicoli con un guadagno di 200mila euro. I mezzi sottratti erano prevalentemente veicoli commerciali.
Durante la prima indagine sono emerse le pressioni estorsive, esercitate nei confronti degli appartenenti all’associazione per delinquere, da parte di “Cosa Nostra”, che aveva mostrato il proprio interesse nel controllo, delle attività nel territorio di propria competenza. Tra gli arrestati di oggi un esponente di spicco del mandamento mafioso di Pagliarelli, il quale aveva imposto il pagamento del “pizzo” agli stessi componenti dell’organizzazione criminale.

 

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook