Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

TASSE ELUSE SUGLI AEREOTAXI

TASSE ELUSE SUGLI AEREOTAXI

Eludendo il decreto Salva Italia sono più di 6.000 i passeggeri che sono stati trasportati senza versare l’imposta dovuta: la Guardia di Finanza ha erogato sanzioni ad alcune compagnie aeree. A Catania si calcola un'evasione di circa 700mila euro.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

TASSE ELUSE SUGLI AEREOTAXI –

Indagine della Guardia di finanza di Catania che ha contestato a compagnie aeree private un’evasione dell’imposta sui beni di lusso di quasi 700 mila euro per l’uso di aereotaxi nell’aeroporto di Fontanarossa.
Il rapporto riguarda 247 vettori aerei privati, che hanno sede legale in 38 paesi esteri di cui 28 nel continente europeo. E’ stato accertato da aprile 2012 a dicembre 2015 il trasporto di 6.300 passeggeri con 1.500 voli da e verso l’aeroporto etneo.
Dalle indagini è emerso che è stata omessa l’applicazione dell’imposta dovuta per questi servizi, praticando sul mercato prezzi più competitivi rispetto agli operatori in regola. Il decreto “salva Italia” del 2011, infatti, ha istituito l’obbligo per i vettori aerei privati di applicare, nelle proprie tariffe, il pagamento di un contributo nei confronti di chi usufruisce del servizio di aerotaxi, commisurato al numero di passeggeri e alla distanza della tratta da percorrere.
In particolare, le compagnie aeree sono responsabili dell’applicazione e del versamento di un importo per ciascun passeggero trasportato in caso di tragitto inferiore a 1.500 km di 100 euro e per percorrenze superiori 200 euro. Le fiamme gialle per le violazioni accertate hanno elevato sanzioni amministrative per oltre 200 mila euro. Alcune delle compagnie aeree interessate stanno già provvedendo al versamento delle maggiori imposte e delle sanzioni.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook