Archiviato in | Musica, Spettacolo

APPLAUSI A NON FINIRE PER RENATO ZERO

APPLAUSI A NON FINIRE PER RENATO ZERO

Renato Zero denuncia la violenza sui minori e poi invita a fare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del terremoto d’Abruzzo, ma la gente applaude più forte e così l’omaggio è più intenso.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

APPLAUSI A NON FINIRE PER RENATO ZERO –

Renato Zero. C’era già al tempo del compromesso storico e della prima Repubblica. Ha superato indenne il ventennio berlusconiano e continua ad essere un protagonista della scena musicale italiana.
Puntualissimo, alle 21 esatte di ieri sera, appare sul palco del Pal’Art di Acireale. Ad attenderlo oltre cinquemila spettatori, molti dei quali arrivati da altre province, con pullman organizzati da agenzie di viaggio. Gli ammiratori più entusiasti indossano sciarpe e bombette nere, col nome del cantante ricamato con lustrini e paillettes. Inizia lo spettacolo. Molti cellulari accesi per fare videoregistrazioni della tappa acese del tour, che prende il nome di “Alt”, come l’ ultimo cd.
Il  palcoscenico voluto da Renato Zero è un capannone industriale, con i professori dell’orchestra in tuta e casco da operai. Il cantiere così ricreato esprime – come nel film Metropolis – l’alienazione del lavoro ripetitivo e martellante. “Si è in un luogo in cui si lavora sodo e non è consentito lamentarsi” dice una voce fuori campo. Ma è sempre possibile la rivoluzione. “La fantasia rende liberi”, afferma l’artista, intendendo combattere la frustrante condizione del cantiere, cioè dell’attuale umanità.
Zero canta “Chiedi” mentre il suo pubblico lo reclama: Re-na-to! Re-na-to! Re-na-to! Poi lui parla e trova le frasi giuste per riannodare i fili di un affettuoso discorso delle emozioni con i suoi sorcini. “Applaudo a tutti voi” dice, andando dritto al loro cuore. “Buon lavoro fratelli e che la musica vi accompagni sempre”. Lui si cambia d’abito e balla. Ma è meno istrionico rispetto al lontano passato. L’unico momento goliardico è quando indossa le enormi orecchie posticce del sorcio.
Il complesso vocale “Neri per Caso”  lo affianca cantando a cappella. Sul palco c’è anche un attore, che recita qualche monologo, mentre Renato Zero riprende fiato per cantare la prossima canzone. Oltre tre ore di spettacolo, una trentina di brani, intervallati da riflessioni sull’attualità, all’insegna dello “Zero-pensiero”.
Il musicista romano denuncia la violenza sui minori e poi invita a fare un minuto di silenzio in ricordo delle vittime del terremoto d’Abruzzo, ma la gente applaude più forte e così l’omaggio è più intenso. Esegue “Il Cielo” ed è un tripudio. Non canta però “I migliori anni della nostra vita” : delusione del pubblico, che ha però la soddisfazione di cantare all’unisono un altro dei brani classici, mentre Zero guarda i suoi fan e tace. Così si conclude un concerto che per i patiti è stato all’altezza della fama dell’artista. Questa sera si replica.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook