RIPARTE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN SICILIA

RIPARTE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN SICILIA

L'avviso 8 è stato pubblicato sulla Gurs e l’assessore regionale Bruno Marziano, ieri, durante una conferenza stampa a Palazzo D’Orleans ha evidenziato le tappe importanti che hanno caratterizzato il percorso di riforma.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

RIPARTE LA FORMAZIONE PROFESSIONALE IN SICILIA –

L’assessore regionale alla Formazione, Bruno Marziano, in una conferenza stampa tenuta a Palazzo d’Orleans ha illustrato il nuovo piano per la formazione in Sicilia: “La pubblicazione e l’avvio delle procedure dell’Avviso 8 sono una tappa del percorso di riforma della formazione professionale che da 18 mesi si sta portando avanti.  Il percorso è cominciato col decreto dell’ottobre 2015 del presidente della Regione con il quale si sono definite le nuove regole per l’accreditamento degli enti – ha spiegato Marziano – Poi c’è stata l’adozione, nel maggio 2016, del sistema regionale e del catalogo delle competenze. Con queste norme si è messo in sicurezza giuridica il sistema della formazione professionale in Sicilia, smentendo l’idea che in questo assessorato regna il caos e non si fa nulla”.  Inoltre, aggiunge l’assessore: “Da lunedì 30 gennaio e per i successivi trenta giorni, in base all’ Avviso 8, gli enti possono presentare i progetti definitivi, dopo altri 30 giorni si avvierà l’attività”.
Soffermandosi sul personale degli enti, Marziano ha detto che: “uno dei temi su cui si sta lavorando è quello relativo ai prepensionamenti”, sulla base della norma nazionale che introduce l’anticipo pensionistico (Ape).
Marziano ha ribadito inoltre: “Il governo si farà carico del prepensionamento per i settori in crisi e per quei settori che hanno esaurito gli ammortizzatori sociali. Il quantum dipenderà dai requisiti previsti dalla legge per la pensione. Pensiamo a circa 2.500 lavoratori su 8.250 della formazione professionale (inclusi i 1900 ex sportellisti) tra coloro che sono nati tra il 1951 e il 1953 e per i nati tra il 1954 e il 1956. Sono numeri che contenuti in un piano che abbiamo elaborato e avvallato dal governo nazionale e previsto una quota di 50 milioni di euro per sostegno alle fuoriuscite”.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook