Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

BOSS VITALE DETTO IL PANDA SCOPERTO E ARRESTATO

BOSS VITALE DETTO IL PANDA SCOPERTO E ARRESTATO

Il boss di Resuttana, Giovanni Vitale detto il panda era latitante da due mesi. E’ stato individuato in una casa a Giardinello e arrestato. Gli investigatori dei carabinieri sono arrivati fino a lui seguendo la moglie.

Print Friendly, PDF & Email

 

 

BOSS VITALE DETTO IL PANDA SCOPERTO E ARRESTATO –

I Carabinieri lo hanno arrestato questa mattina, Giovanni Vitale, il capomafia di Resuttana detto il Panda. Era ufficialmente latitante da due mesi ma i militari dell’arma lo hanno individuato e arrestato. Il mafioso si nascondeva in una abitazione di Giardinello, in provincia di Palermo.
I pm della Dda, Roberto Tartaglia e Annamaria Picozzi hanno coordinato le ricerche boss. La corte d’appello di Palermo lo scorso dicembre ha emesso a suo carico il decreto di latitanza. E’ tutt’oggi in corso il processo in cui Vitale è imputato di estorsione aggravata.
Il medesimo è stato condannato in primo grado a 8 anni e 4 mesi per mafia ed estorsione, nel processo denominato ‘Apocalisse’ che aveva come imputati decine di boss e gregari delle cosche palermitane.
I carabinieri durante il blitz in cui è stato arrestato Giovanni Vitale, hanno fermato l’operaio Salvatore Billeci (nella foto in basso), 32 anni, che avrebbe accompagnato la moglie del boss nel covo di Giardinello dove i carabinieri li hanno bloccati.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook