Archiviato in | Cronaca, Cronaca Regionale

FORMAZIONE MESSINA: CONDANNATO GENOVESE A 11 ANNI

FORMAZIONE MESSINA: CONDANNATO GENOVESE A 11 ANNI

L’accusa formalizzata all’ex parlamentare Francantonio Genovese era l’uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione a enti della formazione professionale. Il cognato Franco Rinaldi, ex deputato regionale sono stati dati tre anni e mezzo.

 

 

FORMAZIONE MESSINA: CONDANNATO GENOVESE A 11 ANNI –

Formazione Messina. Francantonio Genovese l’ex parlamentare del Pd e primo segretario regionale siciliano dei democratici, transitato nel 2015 a Forza Italia, è stato condannato a 11 anni di reclusione. A stabilirlo il tribunale di Messina al processo scaturito dall’operazione ‘Corsi d’oro’ sull’uso illecito di finanziamenti erogati dalla Regione siciliana a enti della formazione professionale.
Franco Rinaldi, ex cognato di Genovese, deputato regionale del Pd e ora passato a FI ha avuto una condanna a due anni e mezzo. Sono 23 complessivamente gli imputati dei quali tre gli assolti. Tra gli altri condannati anche le sorelle Schirò: Chiara, moglie di Genovese, 3 anni e 3 mesi; Elena, moglie di Rinaldi, 6 anni e 3 mesi; Giovanna, 3 anni e 6 mesi. Condannato anche l’ex consigliere comunale di Messina Elio Sauta al quale sono stati inflitti 6 anni e 6 mesi.
Gli imputati, avvalendosi di prestazioni simulate quali: affitti gonfiati, noleggio delle attrezzature e pulizia dei locali in cui venivano tenuti i corsi, avrebbero ottenuto finanziamenti extra approvati dalla Regione che erogava propri fondi insieme a quelli statali ed europei. I costi sarebbero stati gonfiati fino al 600%.
A capo di questo sistema sarebbe stato Francantanio Genovese, che è stato anche sindaco di Messina e primo segretario regionale del Pd. Gli enti che facevano capo a Genovese e che venivano gestiti da alcuni suoi uomini fidati si sarebbero accaparrati decine di milioni di euro di finanziamenti.
Il gip di Messina aveva ordinato l’arresto di Genovese già nel marzo del 2014 e il 15 maggio successivo la Camera dei Deputati autorizzò la richiesta di arresto nei suoi confronti. Dopo una settimana in carcere a Genovese gli vengono concessi i domiciliari. Successivamente, dopo la decisione definitiva della Cassazione il 15 gennaio 2015, il parlamentare torna in carcere. Il 31 luglio dello stesso anno viene scarcerato e torna nuovamente ai domiciliari.
Poi torna libero il 26 novembre 2015 per la scadenza del termine massimo di custodia cautelare in carcere; attualmente ha l’obbligo di dimora a Messina. Genovese è figlio di un senatore e nipote del più volte ministro della Democrazia cristiana Nino Gullotti, ed è stato uno dei politici più votati nel Pd in Sicilia, con quasi 20 mila preferenze.

Commenta la notizia

Su InformaSicilia, tutti gli utenti possono manifestare il proprio pensiero, s'intende, con la piena libertà di esprimere la propria opinione su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti. I commenti non dovranno in alcun caso essere in contrasto con le norme di legge, la morale corrente e con il buon gusto.
I commenti e i nickname non dovranno contenere:
  • - espressioni volgari o scurrili, ecc.;
  • - offese razziali, verso qualsiasi credo o sentimento religioso o abitudine sessuale ecc.;
  • - esaltazioni o istigazioni alla violenza o richiami a ideologie totalitarie ecc..
I contributi che risulteranno in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.
Confidando nella buona creanza, raccomandiamo di rispettare la netiquette.

Pubblicità

Trovaci su Facebook